Golf, la settimana di Schwartzel e Taylor, Bertasio illude ma crolla nell’ultimo round

bertasio.jpg

Nino Bertasio


Si è concluso il weekend di golf con i successi del sudafricano Chris Schwartzel nella tappa di Pretoria dello European Tour e di Vaughn Taylor (USA) a Peeble Beach, in California, nello US PGA Tour.

Desta sensazione la vittoria di quest’ultimo per due motivi: una rimonta incredibile ai danni di Phil Mickelson, da cui aveva sei colpi di ritardo, e il fatto che appena 10 giorni fa Taylor era nella sua camera di albergo a Bogotà in pessime condizioni fisiche.

Per il 39enne della Virginia, si tratta del primo successo in un torneo PGA, oltretutto gratificato dalla qualificazione al Masters, definita “il mio personale superbowl” dallo stesso Taylor.

Nella classifica finale, alle spalle dei primi due, si inserisce Jonas Blixt; per il vincitore un montepremi di 1.260.000USD.

Nel prossimo weekend lo US PGA si trasferisce a Pacific Palisades, California, mentre il torneo europeo sarà di scena a Kuala Lumpur, capitale della Malaysia.

Poche gioie per i colori azzurri, dopo una due giorni eccellente Nino Bertasio, nello Tshwane Open di Pretoria, scende dal 7° al 49° posto, penalizzato da due bogey e due doppi bogey nell’ultimo giro, 4 posizioni dietro di lui Marco Crespi.

Vanno segnalati, invece, la vittoria di Guido Migliozzi, classe 1997, e la piazza d’onore di Andrea Saracino nel Portuguese International Amateur Championship, disputatosi nel fine settimana a Palmela. Un bel risultato per il diciottenne vicentino, già pluri-titolato a livello giovanile.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook Nino Bertasio

Lascia un commento

Top