Ciclismo, azzurri in coro: “Il Mondiale 2016 in Qatar sarà molto pericoloso”

Andrea-Guardini-Ciclismo-Ufficio-Stampa-Rcs.jpg

L’edizione odierna della Gazzetta dello Sport riporta alcune dichiarazioni di tre azzurri, Manuel Quinziato, Sacha Modolo e Andrea Guardini. L’argomento trattato è il Mondiale che si disputerà domenica 16 ottobre a Doha, in Qatar. Nello specifico gli atleti italiani ci tengono a rimarcare la pericolosità del circuito.

Quinziato ha messo in risalto il fattore-vento che secondo lui “influirà meno di quanto ci si aspetti in realtà“, ma “la cosa più importante è il tipo di circuito: restringimenti, tantissime rotonde, inversioni a U pericolose. Il mondiale sarà nervoso e pericoloso perché 200 corridori in strade del genere ci stanno stretti“. Parole che fanno riflettere perché pronunciate da uno degli uomini più esperti in gruppo e che in passato ha già disputato due rassegne iridate a cronometro e tre in linea.

Sulla stessa linea di pensiero anche Sacha Modolo, velocista della Lampre-Merida. Secondo il 28enne veneto “non è il classico Qatar con strade larghe. Curve, controcurve, tante inversioni. È da velocisti, ma credo ci saranno tantissime cadute, almeno due al giro“. Per Sacha “a 100 km dall’arrivo vorranno stare tutti davanti” e questo influirà molto sull’aumentata pericolosità della gara in linea.

Infine, Andrea Guardini dell’Astana si augura che “sul circuito si migliorino le condizioni della strada. Bisogna pensare a soluzioni più sicure“. L’italiano è convinto che “con un bel treno si potrà farà la differenza, anche se la probabile volata sarà di difficile lettura.” I dubbi rimangono tanti però, tanto che Guardini dichiara: “A che serve un tratto in linea così?“.

Le dichiarazioni non sono delle migliori, bisogna dirlo. Gli addetti ai lavori forse dovrebbero fare qualche passo indietro perché a detta dei corridori “questo Mondiale sarà una cosa mai vista“. E non è necessariamente una bella affermazione.

Di Antonio Montuoro

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Ufficio Stampa Rcs

Lascia un commento

Top