Calcio, Europa League: riprende la corsa di Napoli, Fiorentina e Lazio. Attenzione alle sorprese

Paulo-Sousa-fiorentina-calcio-foto-pagina-fb-ufficiale-paulo-sousa.jpg

In attesa della seconda serata dedicata alla Champions League – alle 20.45 la Roma ospiterà il Real Madrid all’Olimpico – è già tempo di vigilia per i sedicesimi di finale della seconda manifestazione continentale per club, l’Europa League, con tre italiane ancora in corsa.

Si tratta del Napoli, a lungo in testa alla classifica di Serie A prima del sorpasso subito dalla Juventus dopo lo scontro diretto di sabato scorso, della Fiorentina terza e di una Lazio che dall’inizio della stagione sta vivendo un sali-scendi continuo tra belle prestazioni e pesanti battute d’arresto. I match che attendono azzurri, viola e biancocelesti sono ricchi di insidie: per continuare il cammino europeo servirà la massima concentrazione possibile.

Fiorentina-Tottenham, giovedì ore 19: per il secondo anno consecutivo la formazione toscana affronta gli Spurs nel primo turno a eliminazione diretta di Europa League. Nel 2014-2015 il neo arrivato Mohamed Salah si prese subito gli applausi della piazza trascinando i viola al successo casalingo che risultò decisivo per il passaggio del turno, un cammino terminato solo in semifinale contro il Siviglia futuro campione. La Fiorentina di Paulo Sousa, ora, sta anche meglio di quella di Vincenzo Montella. Ha cambiato molto, soprattutto davanti, e sta vivendo un campionato da protagonista nonostante le critiche per un mercato debole. Ma proprio l’assenza di riserve all’altezza potrebbe costare cara a Borja Valero e compagni, reduci dalla fatica contro l’Inter (2-1 domenica sera) e più volte claudicanti senza la formazione tipo. E il Tottenham fa paura: è secondo nella Premier League più pazza di sempre a due punti dal Leicester City capolista. Il tridente offensivo (Harry Kane, l’ex Roma Erik Lamela e Christian Eriksen) è giovane ma ormai esploso a tutti gli effetti.

Villarreal-Napoli, ore 19: chi c’è dietro le tre grandi di Spagna, per altro a meno di 10 punti dal Barcellona capolista? Proprio il Sottomarino Giallo, vecchia conoscenza dei partenopei nel primo girone di Champions League dell’era Walter Mazzarri superato brillantemente contro spagnoli (sconfitti sia all’andata che al ritorno con un doppio 2-0), Manchester City e Bayern Monaco. Era il 2011-2012, sono passati quattro anni e, dopo la parentesi Rafa Benitez, ora c’è Maurizio Sarri a far sognare l’intera Campania. Il San Paolo non è mai stato vicino allo scudetto come in questi mesi, trascinato da un Gonzalo Higuain da 24 gol in 25 partite di campionato e dalla definitiva consacrazione del talento di casa Lorenzo Insigne. La rimonta della Juventus – stratosferica per solidità e numeri, 15 vittorie consecutive e un gol subito nelle ultime dieci gare, zero nelle ultime otto comprendendo anche la Coppa Italia – si è concretizzata sabato sera allo Stadium ma, con un solo punto di differenza, la volata tricolore deve ancora entrare davvero nel vivo. La sensazione è che il Napoli dirà la sua fino all’ultimo. Come potrà farlo anche in Europa League, dove nel girone ha sempre vinto (18 punti su 18) lasciando ampio spazio a quel Manolo Gabbiadini poco protagonista in Serie A. Il Villarreal – che ha eliminato il Napoli in Europa League nel 2010-2011 – vive sui gol di Cédric Bakambu, attaccante congolese classe 1991, ma gli azzurri sono tra i favoriti per la vittoria finale. E lo dimostreranno.

Galatasaray-Lazio, ore 21.05: formazione silenziosa ma esperta, il Galatasaray ha le qualità per impensierire una Lazio che, nonostante le difficoltà incontrate in campionato, in Europa League ha vinto il suo girone senza soffrire più di tanto. Wesley Sneijder, uno degli artefici del triplete dell’Inter, è pronto a innescare le punte Burak Yilmaz, che in passato è stato molto vicino al trasferimento in biancoceleste, e Lukas Podolski, tedesco campione del mondo che nella seconda parte della passata stagione è transitato da Milano sponda nerazzurra senza convincere. Adesso ha già realizzato 11 gol (9 in campionato e 2 in Champions League, i turchi sono tra i “retrocessi” come terzi classificati nel proprio gruppo che ha visto andare avanti Atletico Madrid e Benfica) e spaventa Stefano Pioli, tecnico laziale chiamato a convivere dalla scorsa estate con svariati infortuni di ogni tipo. Raggiunto il terzo posto in Serie A, la società non ha investito sul mercato e nei playoff di Champions League il sogno si è interrotto davanti al Bayer Leverkusen con un rotondo 3-0. Ora la Lazio è settima, sembra aver curato il mal di gol rifilando cinque reti al Verona ultimo nell’anticipo di giovedì scorso ma ancora non è stabile. La trasferta nella bolgia della Turk Telekom Arena, dove in passato è caduta anche la Juventus, si preannuncia complicata.

Le altre: l’andata dei sedicesimi di finale è iniziata addirittura ieri, con un insolito anticipo al martedì, vinto dal Fenerbahce sulla Lokomotiv Mosca per 2-0 grazie a una doppietta di Josef de Souza Dias. Tra le altre gare in programma domani sera, invece, spiccano gli impegni delle nobili decadute inglesi Manchester United (in casa dei danesi del Midtjylland) e Liverpool (contro i tedeschi dell’Augsburg) e i big match Borussia Dortmund-Porto, Shakthar Donetsk-Schalke 04, Marsiglia-Athletic Bilbao e Sporting Lisbona-Bayer Leverkusen. L’Europa League perderà subito molte protagoniste di lusso.

Il programma completo dell’andata dei sedicesimi di finale:

  • Fenerbahce-Lokomotiv Mosca 2-0  martedì 16/02 ore 18
  • Fiorentina-Tottenham                    giovedì 18/02 ore 19
  • Borussia Dortmund-Porto             giovedì 18/02 ore 19
  • Anderlecht-Olympiakos                 giovedì 18/02 ore 19
  • Midtjylland-Manchester United   giovedì 18/02 ore 19
  • Siviglia-Molde                                   giovedì 18/02 ore 19
  • Villarreal-Napoli                               giovedì 18/02 ore 19
  • St. Etienne-Basilea                             giovedì 18/02 ore 19
  • Valencia-Rapid Vienna                      giovedì 18/02 ore 21.05
  • Augsburg-Liverpool                            giovedì 18/02 ore 21.05
  • Sparta Praga-Kuban Krasnodar       giovedì 18/02 ore 21.05
  • Galatasaray-Lazio                                giovedì 18/02 ore 21.05
  • Sion-Braga                                             giovedì 18/02 ore 21.05
  • Shakhtar Donetsk-Schalke 04           giovedì 18/02 ore 21.05
  • O. Marsiglia-Athletic Bilbao               giovedì 18/02 ore 21.05
  • Sporting Lisbona-Bayer Leverkusen giovedì 18/02 ore 21.05

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook ufficiale Paulo Sousa

Lascia un commento

Top