Biathlon, le percentuali: in calo i numeri degli azzurri dopo Presque Isle, Vittozzi con l’88.6%

DSC_0476-min.jpg

Vi presentiamo le percentuali al poligono della formazione azzurra dopo la ottava tappa della Coppa del Mondo di biathlon, disputatasi Oltreoceano nella località statunitense di Presque Isle.

Inziamo dalle donne: la più precisa è Alexia Runggaldier, che a Ruhpolding è tornata in Coppa del Mondo a 2 anni di distanza. La 24enne delle Fiamme Oro ha mancato un solo bersaglio nella sprint e nell’individuale, ed ha quindi uno score di 48/50, con il 100% a terra e il 92% in piedi.

Segue poco distante la giovane Lisa Vittozzi. La 19enne di Sappada ha ottenuto i migliori risultati stagionali a Canmore con il 17esimo posto nella sprint, mentre ha commesso diversi errori negli USA: attualmente spara con l’88.6% al tiro, 87% a terra e addirittura il 90% in piedi.

Terza posizione a livello di precisione per l’altoatesina Dorothea Wierer, che negli USA ha conquistato due top ten. La 25enne mantiene una percentuale nel tiro a terra del 93%, mentre i numerosi errori commessi in piedi l’hanno fatta scendere all’82%, per una media complessiva dell’87.4%.

In lieve calo anche le percentuali di Karin Oberhofer e Federica Sanfilippo. La 30enne di Velturno si assesta sull’81.6% e finora ha sparato con percentuali simili nelle due posizioni, con l’83% a terra e l’81% in piedi. La poliziotta, reduce dal primo podio in carriera nella sprint di Oestersund e dall’ottavo posto nell’individuale di Ruhpolding, è in calo soprattutto nelle serie in piedi: attualmente spara con il 76.7%, 80% a terra e 73% in piedi.
Donne Presque Isle

Più basse le percentuali azzurre in campo maschile: il migliore è il valtellinese Christian De Lorenzi, che ha annunciato ad Anterselva che lascerà l’attività agonistica a fine stagione. L’atleta della Forestale spara finora con l’82.1% al tiro (85% a terra, 79% in piedi). Scende sotto all’80% Lukas Hofer, che ha commesso finora pochi errori a terra (84%), più falloso invece in piedi (77%), per un valore complessivo fissato sul 79.5%.

Cala a livello di percentuali anche Dominik Windisch, reduce dal primo successo in carriera nella mass start di Canmore. L’alpino di Rasun ha una percentuale del 74.8%, si trova sicuramente meglio a terra (79%) che in piedi (70%).

Il livignasco Thomas Bormolini, si attesta al 73.8%, media tra il 78% a terra e il 69% in piedi.

Uomini Presque Isle

Foto: Romeo Deganello

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina “Il biathlon azzurro”

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@oasport.it

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Lascia un commento

Top