Atletica, Alessia Trost cresce:1.93 e vittoria a Glasgow. Primi squilli nei tricolori lanci a Lucca

Alessia-Trost-Atletica-Profilo-FB-Trost.jpg

All’Emirates Arena di Glasgow, nel classico meeting internazionale indoor, Alessia Trost migliora il suo primato stagionale nel salto in alto superando 1.93 alla prima prova; alla sua seconda gara del 2016 si migliora di 3cm rispetto la scorsa settimana a Goteborg. Per la finanziera friulana percorso netto a 1.80, 1.84 , 1.87 e 1.90, quindi al secondo tentativo 1.93, prima dei tre errori a 1.95, misura apparsa comunque già alla sua portata. Un altro gradino per raggiungere la migliore condizione dopo il grave infortunio del 2015, in una gara che l’ha vista classificata al primo posto, a pari merito con l’atleta di Saint Lucia Laverne SpencerDesirèe Rossit ha chiuso ottava con 1.84. L’altro azzurro presente alla riunione, Lorenzo Perini, nelle batterie dei 60hs con un discreto 7”84 è il primo degli esclusi dalla finale.

Nel resto del programma impressionano nei 60m la regina olandese Dafne Schippers in 7”10 e nella gara maschile l’emergente britannico Sean Sefo-Antwi che vince in 6”56, laddove l’eterno Kim Collins si infortuna negli ultimi metri. Brilla la stella del cinese Xie Wenjun nei 60hs con un grande 7”63, mentre Mo Farah, davanti al suo pubblico, vince in volata i 3000m, infiammando un impianto gremito all’inverosimile e veramente stupendo.

Oggi, a Lucca, è andata in scena la prima giornata dei Campionati Italiani invernali di Lanci, sia a livello assoluto che giovanile.

Nelle gare odierne spicca la gara del giavellotto uomini dove, nell’attesa sfida tra Norbert Bonvecchio e Roberto Bertolini, la spunta a sorpresa il carabiniere Antonio Fent che con 77.94 m strapazza il proprio personale, lasciando a notevole distanza Bonvecchio (72.18) e Bertolini (71.03). Il titolo promesse va a Roberto Orlando (Virtus Lucca) con 64.87. Tra gli junior si impone Thomas Fabricci con 63.20

Nell’omologa gara femminile vittoria della favorita Sara Jemai (Esercito) con 52.20, davanti a Zahra Bani per pochi cm. 52.08, terza Paola Padovan (Gs Valsugana Trentino) 50.82 per lei e Tricolore promesse. Nella competizione giovanile il successo è di Luisa Sinigaglia con 51.29 (terza junior di sempre) davanti a Carolina Visca, categoria allievi, che arriva a 50.03.

A casa Vizzoni, nel martello maschile, vince l’espertissimo Marco Lingua, (ASD Marco Lingua 4ever) all’ennesimo titolo italiano, con la misura di 75.87, sbaragliando facilmente la concorrenza, tra le promesse il migliore è Marco Bortolato (FF.OO.) secondo assoluto in 67.10. Nelle categorie giovanili trionfa Tiziano De Blasio (Atl.Futura Roma) con 66.28 (attrezzo da 6kg).

Tra le donne la vittoria, assente la numero uno Silvia Salis, non sfugge ad Elisa Palmieri (Esercito) che supera la fettuccia dei 65 metri con 65.75, prima delle promesse Noa Ndimurwanko (GS Valsugana Trentino) in 56.03. Per concludere successo giovanile della junior Sara Fantini (CUS Parma) con 59.55.

Domani l’evento si concluderà con le gare di lancio del disco, in una giornata che vedrà anche la celebrazione della Festa del Cross, con l’assegnazione dei titoli italiani a Gubbio (PG)

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.pessoni@oasport.it

Lascia un commento

Top