Tour Down Under 2016: secondo assolo di Simon Gerrans, terzo Nizzolo

Gerrans-Rosa-FB-Giro.jpg

Ieri si era preso il successo in una volata ristretta, ma con il gruppo compatto anche quest’oggi la musica non è cambiata. Simon Gerrans (Orica GreenEDGE) concede il bis nella quarta tappa del Tour Down Under 2016 e consolida la propria leadership in vista dell’unico arrivo in salita previsto dalla corsa australiana, fin qui monopolizzata dai padroni di casa con quattro vittorie in altrettante frazioni.

La prima parte dei 138km tra Norwood e Victor Harbor sembrava favorire l’inizio di una fuga, ma in realtà il gruppo ha lasciato spazio ai battistrada soltanto dopo diversi chilometri di gara. Ad avvantaggiarsi, una volta dato il via libera dal plotone, sono il francese Alexis Gougeard (AG2R) e gli australiani David Tanner (IAM) e Patrick Shaw (UniSA-Australia). Il loro vantaggio raggiunge quasi i sette minuti, ma le squadre dei velocisti non lasciano grande spazio e riassorbono i tre attaccanti ad una ventina di chilometri dalla conclusione, quasi in concomitanza con l’unica salita di giornata, quella di Port Elliot. Sull’asperità provano ad allungare Sergio Henao e Richie Porte, ma il gruppo rinviene subito e – nonostante una caduta – non si scompone, riuscendo a bloccare anche gli affondi successivi di Jesus Herrada e Lieuwe Westra.

La volata è inevitabile, il Team Sky prende il comando delle operazioni negli ultimi chilometri ma Ben Swift parte probabilmente troppo lungo, favorendo la rimonta di Gerrans e la vittoria dell’australiano. L’inglese è secondo, davanti ad positivo Giacomo Nizzolo (Trek) e a Jay McCarthy (Tinkoff), che non riesce quindi a prendere preziosi secondi di abbuono. Enrico Battaglin (Team LottoNL-Jumbo) è decimo.

In classifica generale, Gerrans ha ora 14″ di vantaggio su McCarthy e 26″ su Rohan Dennis. Settimo Domenico Pozzovivo a 28″.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook Giro d’Italia

Lascia un commento

Top