Tennistavolo: parte da Budapest la rincorsa olimpica dell’Italia. Bobocica: “Sono ottimista”

Mihai-Bobocica-tennistavolo-foto-fitet-fb.jpg

20-24 gennaio Budapest, 27-31 Berlino. Il 2016 internazionale dell’Italia di tennistavolo si aprirà a brevissimo con due ITTF Open d’alto profilo. Il direttore tecnico Patrizio Deniso ha convocato al maschile Mihai Bobocica, Niagol Stoyanov, Leonardo Mutti e Marco Rech Daldosso, mentre al femminile difenderanno i colori azzurri Debora Vivarelli, Chiara Colantoni, Giorgia Piccolin e Veronica Mosconi. Sarà anche una ghiotta occasione per prepararsi in vista del torneo di qualificazione olimpica che si svolgerà a Istanbul dal 6 al 10 aprile.

Sono ottimista (per Rio 2016, ndr) – ha detto nei giorni scorsi al sito federale Bobocica, numero uno d’Italia e al 90esimo posto nel ranking mondiale – perché sto lavorando bene e con il nuovo sistema di qualificazione chi rientra nei primi 100 del ranking mondiale dovrebbe avere buone opportunità di farcela. Andare alle Olimpiadi è l’obiettivo principale sia mio sia della Federazione. Sto facendo tutto il possibile per riuscirci“. Bobo, che adesso gioca in Austria e che è a caccia della terza partecipazione ai Giochi dopo Pechino 2008 e Londra 2012, ha recuperato da un infortunio alla spalla che l’ha tenuto fermo oltre sei mesi in passato: “Fisicamente sono in buone condizioni, mentre dal punto di vista tecnico la situazione non è ancora ottimale – ha aggiunto -. Da quando ho recuperato non va ancora benissimo, ma mi sto riprendendo. I mesi di stop mi hanno condizionato abbastanza: mi sono fatto male nel miglior momento della mia carriera“.

Alcuni pass per Rio 2016 sono già stati assegnati: è il caso, per esempio, del fuoriclasse tedesco Dimitrij Ovtcharov, vincitore dell’oro ai Giochi Europei di Baku 2015, e degli atleti panamericani e africani. In totale i posti da assegnare per le gare individuali sono 62: 40 attraverso i tornei continentali (l’Europa ha 11 pass) e i rimanenti 22 in base al ranking olimpico aggiornato a maggio 2016. Una classifica in cui al momento Bobocica è 49esimo, Stoyanov 57esimo e che, ovviamente, prenderà in considerazione solo gli atleti che ancora saranno in attesa del biglietto per il Brasile.

Intanto, testa all’Open di Ungheria. Mihai Bobocica è già in tabellone: “Questo è già un aspetto importante – ha commentato -. Non dovrò assolutamente perdere con gente che mi stia dietro in classifica e poi vedremo cosa accadrà durante la gara. Se vinci partite tirate, prendi fiducia e magari ti sblocchi e riesci a giocare molto meglio. Il primo turno sarà quello più impegnativo, perché affronterò un atleta comunque forte, che avrà già disputato i gironi e sarà già in possesso del ritmo partita“. “Da adesso in poi – ha spiegato il dt Deniso – non possiamo più sbagliare e dunque l’obiettivo deve essere di fare il nostro, battendo almeno i giocatori che sono inferiori a noi per non perdere posizioni in classifica nella corsa che porta alla qualificazione olimpica. Bobocica a Budapest sarà l’unico già ammesso al tabellone principale. Ho rivisto Mihai, Niagol e Leonardo nelle condizioni in cui erano qualche mese fa e questo mi fa ben sperare“.

Nei giorni scorsi sono stati anche estratti i gironi dei Mondiali a squadre di Kuala Lumpur (Malesia), previsti dal 28 febbraio al 6 marzo. L’Italia maschile, impegnata nella Championship Division, sfiderà Corea del Sud, Hong Kong, Russia, Croazia e Romania nel girone D. Quella femminile, inserita nel gruppo F della Second Division, se la vedrà con Slovacchia, Egitto, Lituania, Svizzera e Messico.

I CRITERI DI QUALIFICAZIONE DEL TENNISTAVOLO A RIO 2016

IL RANKING MONDIALE

IL RANKING OLIMPICO

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Fitet

Lascia un commento

Top