Storia delle Olimpiadi: Roberto Di Donna, apoteosi d’oro in una finale per cuori forti…

Di-Donna_tiro-a-segno_UITS.jpg

La medaglia più rocambolesca conquistata dall’Italia alle Olimpiadi di Atlanta ’96, e tra le più incredibili di tutta la nostra storia olimpica, fu quella d’oro di Roberto Di Donna nel tiro a segno, specialità pistola ad aria compressa. Ad un solo tiro dal termine della finale, il gradino più alto del podio pareva già occupato dalla corposa sagoma di Yifu Wang, campione anche a Barcellona quattro anni prima. Prima dell’ultimo turno, infatti, il cinese precedeva l’intero plotone di tiratori, con addirittura 3,8 punti di vantaggio sul secondo, il ventottenne romano Roberto Di Donna, appunto. Parliamo di un margine che nel tiro a segno equivale a “spararsi sui piedi” (come si suol dire nell’ambiente), per dilapidarlo…

Ma Di Donna, o meglio Wang, riuscì nella pazzesca impresa di riscrivere sui titoli di coda un film ormai pronto all’uscita in tutte le cineteche sportive del mondo.
Il primo tiro di finale dell’italiano era stato un 8.3 che lo aveva fatto partire ad handicap. Il secondo aveva ampliato il distacco e gli fece perdere un’ulteriore posizione. Poi la risalita, d’orgoglio e di classe: 10.6 al quarto tiro, 10.5 al settimo e all’ottavo, 10 netto al nono. A quel punto, il pre-colpo di scena che avrebbe segnato i successivi sviluppi della gara. Nella tecnologica Atlanta, negli U.S.A. delle Finestre e della Melamorsicata saltava all’improvviso il sistema elettrico/informatico dell’impianto sportivo. La competizione veniva interrotta per tre minuti, quelli che servivano a Di Donna per ricaricare pistola e mente, per poi mirare alla medaglia d’argento. Ma furono soprattutto i 180 secondi che mandarono in tilt la macchina cinese Wang. Il suo vantaggio era enorme, ribadiamo, quasi impossibile da azzerare in un sol colpo. “Tragicamente” verificabile, invece, perché l’impossibile non esiste nemmeno nello sport: 10.4 Di Donna, 6.5 Wang, quello che non sbagliava mai… Tensione, caldo, delusione, il diabete in corso di peggioramento a causa di una recente infezione all’orecchio. A prescindere dalle cause, il cinese collassò e finì all’ospedale del villaggio olimpico in barella e con la mascherina ossigenante sul viso. Non ebbe neppure la soddisfazione di salire sul podio per ritirare quella maledetta medaglia d’argento.

Roberto Di Donna non credette ai propri occhi di lince e volle aspettare l’ufficialità del risultato per gioire, la quale arrivò a brevissimo: 684.2 a 684.1. Inaudito.
“Adesso non ci credo ancora. Voglio che prima me la mettano al collo, questa medaglia, e poi voglio sentire l’Inno di Mameli. Allora, soltanto allora, comincerò a crederci”, queste le sue prime parole da privilegiato neoentrato nell’imperituro regno di Olimpia.

In occasione dei “Giochi della Coca Cola 1996”, il romano riuscì a conquistare anche il bronzo nella pistola libera ma negli anni successivi non fu più capace di distinguersi negli appuntamenti olimpici. Di Donna è tuttora il detentore dei record italiani di pistola ad aria compressa (col punteggio di 592/600) e pistola libera (col punteggio di 573/600).

ROBERTO DI DONNA E’ UNO DEGLI EROI DI CANTAMI ITALIA, LE LEGGENDE DELLO SPORT AZZURRO

 

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin
Storia delle Olimpiadi, ventottesima puntata: Giovanna Trillini
Storia delle Olimpiadi, ventinovesima puntata: la straordinaria pesistica italiana 1924

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: UITS

Lascia un commento

Top