Storia delle Olimpiadi: Patrizio Oliva, pugni d’oro a Mosca 1980

Patrizio-Oliva-Libera-1.jpg

Alle Olimpiadi “boicottate” di Mosca l’Italia conquistò 8 medaglie d’oro, due delle quali per mano (il senso dell’espressione è pressoché letterale…) di due napoletani veraci: Claudio Pollio, nella lotta libera, Patrizio Oliva, nella boxe. Il primo è tuttora l’unico medagliato italiano nella storia olimpica della lotta libera, il secondo è considerato unanimemente uno dei maggiori campioni che il pugilato italiano abbia mai avuto.

Il peso superleggero Patrizio Oliva, 21 anni, era stato paragonato addirittura a Sua Maestà Nino Benvenuti per stile e tecnica e a Mosca superò senza troppi patemi quattro avversari prima di giocarsi la finalissima contro il sovietico Konakbayev, un coriaceo kazako (diremmo oggi) che l’anno precedente gli aveva sottratto la corona europea al termine di un match dal verdetto a dir poco discutibile. Nel clan azzurro si temeva che l’ambiente moscovita avrebbe potuto galvanizzare il pugile dell’URSS e, soprattutto, influenzare le valutazioni dei giudici.

Ma lo scugnizzo di Poggioreale si dimostrò superiore all’avversario ed a qualsiasi, eventuale tentativo di indirizzare in modo casalingo l’incontro: quattro giudici su cinque assegnarono la vittoria al nostro atleta. L’Italia poté così tornare, dopo 12 anni di digiuno, su un podio olimpico della boxe; a Città del Messico fu il “massimo” Giorgio Bambini a mettersi al collo il bronzo.

In Russia, i giudici premiarono quella grande varietà di colpi che avrebbe permesso a Patrizio Oliva di distinguersi anche tra i professionisti, mondo in cui sbarcò dopo una brillante carriera da dilettante culminata proprio con la conquista dell’oro olimpico a Mosca 1980. Tra i pro, il pugile campano ottenne, in sequenza, i titoli italiano, europeo e mondiale dei superleggeri; successivamente, riuscì a conquistare pure il titolo di campione d’Europa nella categoria welter. Con uno score finale di 57 vittorie su 59 incontri disputati.

Appesi i guantoni al chiodo, è stato commissario tecnico della Nazionale Olimpica – che ha guidato ai Giochi di Atlanta 1996 e Sydney 2000 – nonché organizzatore di numerosi eventi pugilistici di portata internazionale. Attualmente è istruttore degli allenatori di pugilato per la federazione mondiale AIBA.

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin
Storia delle Olimpiadi, ventottesima puntata: Giovanna Trillini
Storia delle Olimpiadi, ventinovesima puntata: la straordinaria pesistica italiana 1924
Storia delle Olimpiadi, trentesima puntata: Roberto Di Donna
Storia delle Olimpiadi, trentunesima puntata: l’Italia dell’hockey pista 1992
Storia delle Olimpiadi, trentaduesima puntata: il “due con” azzurro 1968
Storia delle Olimpiadi, trentatreesima puntata: l’oro della nazionale italiana di calcio 1936
Storia delle Olimpiadi, trentaquattresima puntata: Galliano Rossini

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

 

Lascia un commento

Top