Speed Skating, Europei 2016: Italia per stupire tra i colossi Olanda e Russia

Andrea-Giovannini-Speed-skating-Profilo-FB-Giovannini-Libera.jpg

Il 2016 è finalmente giunto e per lo speed skating è prossimo il primo evento internazionale di una certa importanza: gli Europei di Minsk (Bielorussia) programmati il 9-10 gennaio. Lungo l’anello di ghiaccio “Minsk Arena” gli skater più forti del continente si sfideranno sulle distanze previste in cerca di velocità e resistenza. 500, 3000 e 5000 metri (per le donne) e 500, 1500, 5000 e 10000 m (per gli uomini) saranno le specialità di scena in Bielorussia che metteranno alla prova gli atleti, desiderosi di metalli e soddisfazioni. La nazionale italiana si presenta ai nastri di partenza della rassegna europea con tre elementi: Andrea Giovannini, Nicola Tumolero e Francesca Lollobrigida. In particolare, Giovannini e Lollobrigida sono reduci da degli ottimi Assoluti Allround nei quali si sono laureati campioni italiani sulle 4 distanze in programma. Il 22enne di Baselga di Pinè, come si suol dire, ha fatto valere il fattore campo (Assoluti disputati nella città natale di Andrea) conquistando il tricolore, vincendo nelle specialità dei 1500m e 5000m e confermando i miglioramenti sulle distanze del mezzofondo. Ancor migliori le prestazioni della skater di Frascati, autrice dell’en plein su 500, 1500, 3000 e 5000 metri, e campionessa nazionale anche nella singola disciplina della mass start. Di particolare rilevanza il tempo su 1500m, miglior crono mai ottenuto in Italia alla seconda prova dell’anno sulla distanza. Consistenti altresì le prove di Tomulero che grazie ai tre secondi posti nei 1500, 5000 e 10000 metri (record personale in 14’06”) ha ottenuto la piazza d’onore nella classifica generale alle spalle di Giovannini. Cosa attendersi dunque dagli azzurri?

La continuità del processo di crescita, come i record italiani sia di Andrea che di Francesca, rispettivamente sui 10000m e 5000m a Salt Lake City, hanno messo in evidenza. Aspirare a qualcosa di più sembra irrealistico soprattutto per la tipologia di gara che avvantaggia i “regolaristi“. Tra i favoriti ci sono, ovviamente, gli olandesi. Nell’edizione del 2015 a Chelyabinsk (Russia) furono Sven Kramer ed Ireen Wust a trionfare e vedremo se la nazionale orange punterà su questi due fenomeni o su qualche altro skater già pronto ad ereditare lo scettro del dominio europeo. Nel corso dei recenti campionati nazionali, tenutesi ad Heerenveen, Kramer ha trionfato sui 5000m, ottenendo anche la qualificazione al Mondiali su singole distanze (27-28 febbraio a Seoul), mentre la Wust ha portato a casa 3 pass iridati sui 1000, 1500 e 3000m. Non solo arancione ma anche attesa per la Russia, team in grande ascesa grazie a pattinatori del calibro di Pavel Kulzhnikov (recordman sui 500m e primo uomo a scendere sotto il muro dei 34″), Denis Yuskov, autore della migliore prestazione mondiale della stagione 2015-2016 sui 1500m in 1’41″88 e vincitore delle tappe di Coppa del Mondo di Calgary ed Inzell,  Natalya Voronina ed Olga Graf molto forti sulle distanze del mezzofondo. Un contesto ricco di qualità che, molto probabilmente, vedrà al via anche Martina Sablikova, dominatrice dei 3000m in World Cup, e tra le più accreditate atlete ad essere “anti-orange”. 

Ebbene ci sono tutti i presupposti per assistere ad un grande spettacolo augurandoci che anche i nostri skater sappiano essere parte dello show in maniera decorosa.

PROGRAMMA ORARI E TV EUROPEI 2016

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: profilo FB Andrea Giovannini

Lascia un commento

Top