Sci di fondo, Coppa del mondo Nove Mesto: esame staffetta per Pellegrino, l’Italia cambia pelle rispetto a Lillehammer

1909927_798789780247098_7892697647725270072_n-e1452503228438.jpg

Passo pattinato e staffette il programma del fine settimana a Nove Mesto. In Moravia l’Italia cerca risposte sopratutto nella prova a squadre maschile di domenica. Viste le convocazioni di specialisti del passo alternato come Didi Noeckler e Giandomenico Salvadori e la stagione opaca di Roland Clara, il quartetto in gara sarà diverso rispetto a quello che si era ben comportato a Lillehammer.

In Norvegia si era reso protagonista di un’ottima prima frazione sopratutto il dittatore delle sprint Federico Pellegrino che, tuttavia, questa volta dovrebbe chiudere il quartetto. Test dunque molto importante per il valdostano che, in caso di arrivo in volata, diventerebbe l’uomo da battere. Pochi dubbi anche sulla terza frazione, ancora una volta affare di Francesco De Fabiani. L’altro golden boy valdostano è al momento quello più adatto a ricoprire questo ruolo nonostante le sue indiscusse doti sui binari.

Difficile invece attendersi un buon risultato dalla 15 km a skating di sabato. Gara che sino a qualche anno fa avrebbe visto almeno 5-6 azzurri in grado di lottare per le prime venti posizioni ma che ora non presenta fondisti capaci di lottare con i migliori. Proprio in una 10 km in pattinato del 2002 arrivò la vittoria di Fabio Maj, mentre qualche anno dopo, esattamente nel 2008, Pietro Piller Cottrer e Valerio Checchi si resero protagonisti di una storica doppietta nella pursuit. Soddisfazioni anche dalle sprint con i podi di Freddy Schwienbacher (2005), Cristian Zorzi (2009) e di Federico Pellegrino, secondo alle spalle di Ustiugov nel 2014. Per trovare il primo podio tricolore nella prestigiosa tappa di Coppa del mondo ceca, bisogna tornare indietro al 1995, quando Silvio Fauner concluse al terzo posto una 15 km in classico.

PROGRAMMA DI GARA

23/01/2016: 15 km tl uomini
24/01/2016: staffetta 4×7,5 km uomini

CLICCA SU PAGINA 2 PER LE GARE FEMMINILI

Lascia un commento

Top