Scherma, Rio 2016: spada femminile appesa a un filo. Tutti gli scenari

Spada-femminile-italiana-scherma-foto-bizzi-federscherma.jpg

Una domenica quasi paradossale per la spada femminile, sesta a Barcellona nella grande giornata dell’Estonia che vince e rischia di diventare preziosa alleata delle azzurre. Diciamolo subito: la situazione non è cambiata di molto rispetto al pre Catalogna. I punti da recuperare – tre all’Ucraina e otto alla Francia, al netto dell’esclusione del peggior risultato – sono più o meno gli stessi. Con un podio le Olimpiadi sarebbero realtà. La differenza sostanziale è che si sono dimezzate le occasioni di rimonta: ora servirà andare in all-in il prossimo 14 febbraio a Buenos Aires.

Come recita il ranking aggiornato, il successo dell’Estonia ha aiutato l’Italia. Ora le baltiche sono quarte in classifica e, dunque, direttamente a Rio. Scivolano fuori gli Stati Uniti, comunque momentaneamente qualificati come stato americano, e Francia e Ucraina sarebbero a Rio 2016 rispettivamente grazie al pass europeo e a quello africano, ricordando che il regolamento lo prevede in caso di assenza di stati di un certo continente tra i primi 16 della classifica mondiale. E difficilmente il Sudafrica, 20esimo, compirà il miracolo di rientrare in corsa.

Come detto, l’Italia dista tre punti dalle gialloblu e otto dalle transalpine, che comunque non sembrano in grado di scavalcare l’ostacolo quarto di finale. Anzi, oggi in Spagna hanno fatto peggio rispetto a Rossella Fiamingo e compagne. Ma gli scenari sono molteplici. A partire dal fatto che verrà scartato il peggior risultato nelle cinque tappe di Coppa del Mondo disputate e che, dunque, ora come ora il vantaggio dell’Ucraina sull’Italia cresce a sei punti e quello della Francia a 10. O ancora: se gli Usa dovessero riscavalcare l’Estonia al quarto posto, allora tutto cambierebbe in negativo: le baltiche guadagnerebbero il pass europeo e a quel punto la corsa dell’Italia andrebbe impostata sulla Francia, il cui margine di tranquillità è come visto più sostanzioso.

Cosa devono fare, dunque, le spadiste del Bel Paese? La risposta è semplice: vincere. O comunque provare a salire sul podio. Giocare sui risultati delle altre rischia di diventare ossessivo e, soprattutto, deleterio per la concentrazione. Rio 2016 è un sogno che ancora non è sfumato, sebbene siano evidenti le difficoltà incontrate negli ultimi mesi. Ma c’è ancora speranza. Anche perché, in caso di mancata qualificazione, da tre atlete nella gara individuale si passerebbe a una sola (al 99%, considerato il ranking, Rossella Fiamingo). Un semi fallimento.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

Top