Scherma, Coppa del Mondo: spadisti in Germania da giovedì a sabato

scherma-enrico-garozzo-tallinn-fb-bizzi-federscherma.jpg

Come da tradizione, la tappa tedesca di Heidenheim della Coppa del Mondo di spada maschile si disputerà nel fine settimana da giovedì a sabato, lasciando quasi simbolicamente la giornata di domenica interamente alle colleghe, impegnate a Barcellona con l’Italia a caccia della rimonta olimpica. Ma di questo parleremo domani.

Sulle pedane teutoniche, i siciliani Paolo Pizzo, Enrico Garozzo e Marco Fichera, affiancati dall’umbro Andrea Santarelli, proveranno a prendersi quell’ultimo gradino del podio a squadre che manca dopo la rinascita estiva. Presentando l’evento del 2015, la situazione era paradossalmente invertita: le donne in cerca del successo sempre in Catalogna dopo il terzo posto di Legnano e il secondo di Nanjing, gli uomini obbligati al riscatto nella corsa per Rio 2016 (che sarebbe iniziata a dir la verità a maggio). Ora, come detto, è tutto diverso.

Il turning point va ricondotto al Mondiale di Mosca, doppio quarto di finale contro la Francia. Il quartetto maschile, sfavorito, vince incredibilmente e chiuderà la rassegna iridata al quarto posto. Le donne, sulla carta attese da un assalto agevole, cedono ed entrano in un tunnel da cui sembra complicato uscire. Tanto che, dopo Capodanno, è servito un ritiro permanente per preparare al meglio le ultime due tappe valevoli per l’accesso ai Giochi.

Il cammino della spada maschile a squadre, quest’anno, ricorda molto quello del quartetto in rosa edizione 2014-2015. Un terzo posto (a Berna) e un secondo (a Tallinn): manca solo la ciliegina sulla torta, ma l’obiettivo deve rimanere archiviare il discorso Rio 2016 come già riuscito al fioretto maschile settimana scorsa a Parigi. Al momento, nel ranking olimpico la formazione di Sandro Cuomo è terza, con un buon margine sulle altre europee e l’assenza tra le prime 16 della classifica mondiale di nazioni africane che garantisce una discreta sicurezza di successo anche in virtù dell’ottima condizione mostrata in autunno.

Quanto alla gara individuale, che si disputerà venerdì, finora solo Enrico Garozzo è salito sul gradino più basso del podio, in Estonia. Imprevedibile e priva di un dominatore assoluto, la stagione dellla spada maschile ha visto alternarsi tre outsider al primo posto: l’olandese Bas Verwijlen, il giapponese Kazuyasu Minobe e il russo Vadim Anokhin. Sempre in fatto di sorprese, gli occhi saranno puntati anche su Lorenzo Buzzi, 20enne piemontese che al Grand Prix di Doha riuscì a superare Garozzo e Pizzo prima di cedere ai quarti di finale, conquistando comunque il suo miglior risultato della carriera.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

Top