Nuoto, Arena Pro Swim Series 2016: record del mondo per Katie Ledecky negli 800 sl! Phelps batte Lochte

Katie-ledecky-nuoto-foto-facebook-fina-deepbluemedia.jpg

Mostruosa. Katie Ledecky non è sazia dopo un 100 stile libero da 53”75 seguito dal primo sub 4′ della carriera nei 400 sl con una gara sul groppone, non si ferma dopo l’ingresso nel club dell’1’54” (e 43, nei 200 sl) e decide di incidere per sempre il suo nome nella storia della seconda tappa delle Arena Pro Swim Series 2016. Ad Austin, Texas, la 18enne statunitense timbra il nuovo record del mondo degli 800 sl!

L’8’07”39 in solitaria dei Mondiali di Kazan sembrava destinato a durare quasi in eterno. Ma, in effetti, nessuno aveva fatto i conti con la fame della stessa baby fuoriclasse a stelle e strisce. Che lancia l’ennesimo messaggio verso le Olimpiadi nuotando 8’06”68 (passaggi 2’00”20, 4’03”22, 6’06”00), un tempo d’altra categoria. In Brasile nessuno potrà attaccarla nel mezzofondo. Probabilmente anche nei 400. Quanto ai 200, il personal best velocissimo di ieri abbassa l’asticella del crono di riferimento per il podio in maniera notevole. Deve tremare anche l’1’52”98 gommato di Federica Pellegrini, che resiste dal 2009?

La gara di questa notte: viene da un altro pianeta (video Usa Swimming)

Mi sentivo bene – ha detto Ledecky a Swimvortex dopo il suo 11esimo record mondiale -. Sapevo di essere in buona forma questo weekend e ciò aiuta il mio modo di nuotare“. “Quando scende in acqua è sempre qualcosa di speciale” l’incoronazione di Michael Phelps. Non una cosa da poco. Lo Squalo di Baltimora, che decide di saltare i 200 delfino per concentrarsi sul duello con Ryan Lochte nei 200 misti, si prende la medaglia d’oro con 1’58” netto, 43/100 meglio dello storico rivale. La sfida tra i due atleti che dominano la specialità da oltre un decennio (Phelps tricampione olimpico e oro iridato dal 2003 al 2007, Lochte dal 2009 al 2015) si decide nella seconda metà, con l’allievo di Bob Bowman che rimonta grazie a una super frazione a stile libero.

E’ stata una bella gara, entrambi abbiamo nuotato bene ed entrambi volevamo vincere – il commento di mister 22 medaglie a Cinque Cerchi -. Se ripenso alla mia carriera, Ryan è stato senza dubbio l’avversario che mi ha messo maggiormente in difficoltà“. Nelle altre finali dell’ultima sessione, doppietta per Katinka Hosszu (59”91 nei 100 dorso e 2’10”69 nei 200 misti) con Missy Franklin ancora sopra il minuto (1’00”03) nella disciplina in cui è campionessa olimpica in carica. Connor Jaeger, unico a battere Gregorio Paltrinieri negli ultimi due anni nei 1500 stile libero (in vasca corta, al Duel in the Pool), non ha rivali e tocca agevolmente in 15’06”24.

I RISULTATI COMPLETI

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Fina/DeepBlueMedia

Lascia un commento

Top