MotoGP: la nuova Yamaha si svela. Valentino Rossi: “Il 2015 è il passato. Proverò a fare meglio!”

yamaha-2016.jpg

E’ ufficialmente iniziata l’avventura del Team Factory Yamaha di MotoGP per il Mondiale 2016. Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, con stretta di mano, hanno svelato le forme e i colori della nuova M1 nella splendida cornice della Torre della Telefonica. Un prototipo che, in questa sede, si è presentato nella versione 2015 dal momento che i componenti nuovi (bocchettone di rifornimento nella coda arriverà a Sepang). Si preannuncia una stagione con tanti cambiamenti, visto il ritorno delle gomme Michelin così diverse dalle Bridgestone, e soprattutto l’uso dell’elettronica con centralina unica uguale per tutti. Ovviamente la presentazione della nuova moto di Iwata era particolarmente attesa anche per rivedere nuovamente in tuta Rossi e Lorenzo ed ascoltare le risposte ai giornalisti, assai incentrare sull’andamento del 2015.

Rossi ha subito chiarito come il Mondiale appena trascorso sia stato messo alle spalle e che vuol tornare ad essere competitivo come se non ancora più del campionato terminato a Valencia: La fine della stagione scorsa è stata abbastanza difficile  per me – esordisce il 9 volte campione del mondo – “Tuttavia sono soddisfatto, nel complesso, di come sono andata perchè sono tornato competitivo, mi sono divertito e ho potuto lottare fino alla fine per il titolo. Il 2015 fa parte del passato e debbo cercare quest’anno di essere veloce e costante, come 12 mesi fa soprattutto nella prima metà di stagione, magari provando anche a fare meglio“. In merito la preparazione per il 2016 Valentino ha dichiarato: “Ho fatto lo stesso tipo di preparazione cercando di migliorare ancora alcuni aspetti. Quest’anno vedremo, si parte non da zero, ma da un altro punto con le nuove gomme e l’elettronica differente. Sarebbe bello iniziare allo stesso modo, vincendo in Qatar. I rivali sono fortissimi, l’obiettivo è di stare al livello della stagione passata: quando diventi più anziano sfrutti l’esperienza per colmare il gap. L’anima della M1 è la stessa, ma scopriremo le cose al primo test in Yamaha a inizio febbraio. Con le nuove gomme il feeling con l’anteriore cambia notevolmente, è un problema perché devi cambiare stile e il bilanciamento” – ha concluso Valentino.

Cambiamenti tenuti bene in conto anche dal campione del Mondo Jorge Lorenzo: “L’anno scorso avevamo una moto completa, performante su qualsiasi circuito. Non credo che le gomme possano influenzare più di tanto mentre la nuova elettronica comporterà un lavoro importante ma non sono molto preoccupato perchè la sinergia del nostro team è uno dei punti di forza“- Tornando a quanto accaduto l’anno scorso Jorge precisa: “Ci sono stati tanti momenti difficili perchè quando mi avvicinavo a Valentino, in classifica, perdevo punti per diverse ragioni. Un motivo in più per sentirmi orgoglioso per essermi aggiudicato un Mondiale così complicato!”.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: profilo twitter Yamaha

Lascia un commento

Top