Golf, South African Open: primo assolo in carriera di Brandon Stone, 27° Paratore

CYSH-IDWcAMVup3-e1452437903368.jpg

Brandon Stone, terzo da sinistra, con padre, nonno ed Ernie Els


E’ nata una stella? Per dirlo con certezza è ancora presto, ma intanto a 22 anni Brandon Stone fa capire di che pasta è fatto e conquista il South African Open ad Ekurhuleni. Il torneo, a quattro anni di distanza dall’ultima volta, ritorna quindi ad uno dei padroni di casa, il classe ’93 di Pretoria che si è esibito in una spettacolare rimonta nella parte finale. Dopo undici buche, infatti, Stone aveva messo a segno ben sei bogey e tre birdie, ma nelle sette buche successive ha realizzato quattro birdie decisivi per il -14 finale (274 – 71 67 65 71) con cui ha bruciato la concorrenza.

Per il Sudafrica è arrivata anche la doppietta grazie a Christiaan Bezuidenhout, secondo a -12 (276 – 70 69 70 67) e a cui non è bastato un bel round in 67 con sette birdie e due bogey. E’ rimasto fermo al palo, invece, Daniel Brooks: l’inglese non è andato oltre un Par e la terza posizione (-11). Tutto sudafricano anche il poker in quarta posizione (-9), formato da Branden Grace, Justin Walters, Keith Horne e Retief Goosen. Il migliore di giornata, invece, è lo statunitense Daniel Im, autore di un gran -7 che gli vale l’ottavo posto (-8) insieme a Trevor Fisher jr.

In casa Italia, il sorriso di Renato Paratore di ieri è svanito ben presto a causa di un pesantissimo 75 (+3). Il romano, entrato nella Top 10 grazie ad un bel sabato, è rimbalzato indietro con un parziale di +3 a causa di quattro bogey, un doppio bogey e soli tre birdie, con cui è scivolato in 27esima posizione a -3 (285 – 74 69 67 75). Stesso piazzamento anche per Nicolò Ravano (69 72 72 72), che inanella il terzo giro in Par consecutivo con cinque bogey e altrettanti birdie. Nino Bertasio chiude un weekend difficile con un round in +1; il 27enne alla fine è 45esimo pari al Par (288 – 69 69 77 73).

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@oasport.it

Lascia un commento

Top