Golf, South African Open: gioco interrotto per pioggia, i padroni di casa dominano. Bertasio nono

12301611_1062378237127917_6554641840360363923_n.jpg

Nino Bertasio


Un forte temporale ha interrotto il secondo round del South African Open di Ekurhuleni. Al Glendower GC avevano preso provvisoriamente il comando due dei tanti padroni di casa, Keith Horne e Branden Grace. Il primo ha concluso il proprio giro con -3 e si è portato a -8 (136 – 67 69), mentre il numero 14 del ranking mondiale è stato formato alla buca 11, a cui era arrivato con un parziale di -5.

Quasi l’intera Top 10, di fatto, è sudafricana. Al terzo posto c’è Jbe Kruger, autore di un -2 che gli vale un totale di -7 (137 – 67 70). Una delle poche eccezioni è rappresentata dall’inglese Ross McGowan, quarto a pari merito con Justin Walters e Brandon Stone con -6. Tutta casalinga la coppia al settimo posto, formata da Christian Bezuidenhout e da Jacques Kruyswijk, mentre in nona posizione a spezzare il dominio sudafricano c’è un italiano. Ed è sempre Nino Bertasio, che resiste con un parziale di -4 dopo tredici buche (-1 di giornata) nelle zone nobili della classifica.

Ha concluso invece il suo round Nicolò Ravano, 14esimo a -3 (141 – 69 72) dopo quattro bogey, due birdie ed un salvifico eagle. Stava risalendo con buon piglio Renato Paratore, fermato dopo nove buche in cui aveva messo a segno un bogey e tre birdie. Il romano ripartirà dalla 39esima posizione pari al Par.

Le condizioni più difficili del campo hanno momentaneamente alzato il punteggio per rientrare nel taglio, cosa che potrebbe favorire Edoardo Molinari. Il torinese è attualmente nel gruppone in 49esima posizione (+1), nonostante il +2 registrato in cinque buche giocate.

Fuori dai giochi Francesco Laporta, che ha concluso il proprio round con un pesante 76 (+4) ed è crollato in 125esima posizione con +7 (151 – 75 76).

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit Federgolf

Lascia un commento

Top