Golf, il South African Open lancia la stella Brandon Stone. Tanto Sud-Africa, poca Italia

brandonstone.jpg

Con la sua prima vittoria nell’European Tour il sud-africano Brandon Stone si affaccia nel golf che conta. Il South African Open ha difatti incoronato uno dei giovani di maggior prospetto, al termine di un torneo dominato dai giocatori di casa.

Sul percorso del Glendower Golf Club, in quel di Ekurthuleni, ll 22enne ha superato la concorrenza brillando nelle buche finali. Ultimi colpi che si rivelano decisivi, con 4 magnifici birdie inanellati da Stone.

Il ragazzo di Rustenberg, professionista dal 2013, con all’attivo fino a ieri soltanto un titolo nel Sunshine Tour, ha guadagnato nel 2015 l’accesso al circuito maggiore grazie alle ottime prestazioni colte nel Challenge Tour, chiuso con la 14esima piazza nella money list. Pass dunque più che meritato.

“E’ troppo bello per essere vero. Sono sopraffatto dalle emozioni in questo momento. Dopo aver visto il modo in cui ho giocato nella scorsa stagione, ho capito di dover continuare ad allenarmi duramente. Il periodo natalizio mi ha aiutato molto. Giovedì ho subito capito di aver il livello giusto per poter arrivare a questo successo”, le parole di un emozionato Stone.

Come detto, il torneo è stato dominato dai golfisti di casa. Secondo posto per Christiaan Bezuidenhout, a -12. Terzo l’inglese Daniel Brooks (-11), prima di un quartetto tutto sud-africano composto da Branden Grace, Justin Walters, Keith Horne e Retief Goosen, giunto ai piedi del podio con -9.

Per quanto riguarda l’Italia il 27° posto di Renato Paratore è la giusta media tra gli ottimi giri centrali, ed i mediocri giri iniziale e conclusivo. 4 bogey, un doppio bogey, e tre soli birdie, il ventenne azzurro non riesce a difendere la decima posizione conquistata sabato.

Identico piazzamento per Nicolò Ravano, mentre Nino Bertasio conclude il suo arduo week-end con il 45° posto.

Terzo taglio di fila per  Edoardo Molinari, 81° con 148, e secondo consecutivo per Francesco Laporta, 123° con 151. Dai nostri azzurri si può pretendere di più.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: sito ufficiale European Tour

.

Lascia un commento

Top