Equitazione, Rio 2016: l’Italia può tornare ai Giochi nelle tre discipline equestri

Equitazione-Vittoria-Panizzon.jpg

Mancano oramai due mesi alla fine del periodo qualificativo per Rio 2016: il prossimo 6 marzo, infatti, verranno pubblicati i ranking che determineranno i nomi dei qualificati a titoli individuale. Sfumate, in occasione dei Campionati Europei del 2015, le qualificazioni per le squadre, l’Italia può comunque puntare ad essere presente nelle tre specialità olimpiche grazie alle qualificazioni individuali: un obiettivo non da poco, visto che l’ultima volta è accaduto a Sydney 2000. Ad Atene 2004, infatti, l’Italia non riuscì a qualificare nessun binomio nel dressage, mentre a Pechino 2008 e a Londra 2012 fu assente il salto ostacoli. Al momento, l’Italia sarebbe presente a Rio con due binomi nel completo, uno nel dressage ed uno nel salto ostacoli, con la possibilità di qualificarne anche un secondo in quest’ultima disciplina.

Vediamo dunque il riepilogo di tutti i posti già attribuiti e di quelli ancora da attribuire nelle tre discipline equestri facenti parte del programma a cinque cerchi, con un focus sulla situazione degli azzurri secondo i ranking olimpici aggiornati al 7 gennaio.

SALTO OSTACOLI

Squadre: Brasile (Paese ospitante); Paesi Bassi, Francia, Stati Uniti, Germania, Svezia (Mondiali 2014); Svizzera, Gran Bretagna, Spagna (Europei 2015); Canada, Argentina (Giochi Panamericani 2015); Ucraina (gruppo Europa orientale); Qatar (gruppo Africa e Medio Oriente); Giappone, Australia (gruppo Asia/Oceania).

Individuali: quattro atleti per le nazioni che presentano la squadra; Colombia (2), Venezuela (2), Perù, Uruguay (Giochi Panamericani 2015); Taipei Cinese (gruppo Asia/Oceania)
Da attribuire: nove posti

Azzurri: Emanuele Gaudiano è passato al comando del Gruppo B con 1245 punti, strappando al belga Gregory Wathelet l’unico posto qualificativo. L’azzurro è inseguito ora dall’amazzone portoghese Luciana Diniz (1174.5) e dallo stesso Wathelet (1166). Quinto nella classifica del Gruppo B con 863 punti, Piergiorgio Bucci è sesto nella graduatoria per l’assegnazione dei quattro posti addizionali: l’obiettivo sono i 954 punti dell’egiziano Karim El Zoghby.

DRESSAGE

Squadre: Brasile (Paese ospitante); Germania, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Australia (Mondiali 2014); Spagna, Svezia, Francia (Europei 2015); Stati Uniti (Giochi Panamericani 2015); Giappone (gruppo Africa/Asia/Oceania)

Individuali: quattro atleti per le nazioni che presentano la squadra; Canada, Messico (Giochi Panamericani 2015); Sudafrica (gruppo Africa); Corea del Sud (gruppo Asia Orientale/Oceania)
Da attribuire: sedici posti

Azzurri: Valentina Truppa, in versione Fixdesign Eremo del Castegno, ha guadagnato la seconda posizione nel Gruppo B, quello dell’Europa sudoccidentale, con 1029 punti. Attualmente davanti a lei c’è solo l’austriaca Victoria Max-Theurer (1056), mentre l’azzurra ha strappato il secondo posto qualificativo alla svizzera Marcela Krinke Susmelj (1005). La lotta tra le tre è molto serrata, ma anche per la terza ci sarebbe la possibilità di qualificarsi grazie ai sei pass addizionali, la cui classifica è guidata proprio dall’amazzone rossocrociata davanti alla danese Agnete Krik Thingård (989). Nessuno degli altri binomi azzurri sembra avere possibilità di qualificazione.

COMPLETO

Squadre: Brasile (Paese ospitante); Germania, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Australia, Irlanda, Canada (Mondiali 2014); Stati Uniti (Giochi Panamericani 2015); Francia, Svezia (Europei 2015), Nuova Zelanda (Campionati Asia-Pacifico)

Individuali: quattro atleti per le nazioni che presentano la squadra;
Da attribuire: ventuno posti

Azzurri: Stefano Brecciaroli sarebbe attualmente qualificato grazie al primo posto nel Gruppo B, l’unico che garantisce il pass diretto. Con 227 punti, l’azzurro deve però guardarsi le spalle dallo svizzero Felix Vogg (214), mentre Vittoria Panizzon è ancora in corsa con il suo quarto posto (167). L’azzurra è infatti quarta anche nella classifica che assegna gli otto pass addizionali, guidata dal russo Andrey Mitin con 180 punti. Da notare che Emiliano Portale è nono con 129 punti, a quattro lunghezze dal bielorusso Aliaksandr Faminou, ma ad ogni modo l’Italia non potrebbe qualificare più di due binomi.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top