Dakar 2016, Botturi: “Voglio una gara da protagonista”

alessandro-botturi-facebook.jpg

A poche ore dallo start della Dakar 2016, il nostro Alessandro Botturi appare carico. La Yamaha punta su di lui, mettendogli a disposizione una 450 Rally quanto mai competitiva. Oggi il prologo di 11 KM , con 338 KM di trasferimento. Si inizia a fare sul serio. La categoria moto è alla ricerca di un erede di Coma e Despres.

Botturi vuole provarci. I suoi rivali motociclisti sono avvertiti. L’azzurro, intervistato dai colleghi della Gazzetta dello Sport, ha fornito diverse interessanti indicazioni.

“Ringrazio la Yamaha per la fiducia. Sono l’unico pilota del team confermato dal 2015. Sono felice di far parte di questa squadra. Hanno riprogettato la moto da un foglio bianco. La moto ha guadagnato in manegevolezza e anche nel motore. Non abbiamo la velocità di punta di una Honda, ma abbiamo raggiunto un ottimo equilibrio. Un punto debole? Forse l’affidabilità, ma sono fiducioso dopo i tanti KM percorsi”.

Il “Bottu” parla della sua preparazione. “Mi sono allenato tantissimo, anche se simulare una Dakar è quasi impossibile. Con la gara alle porte cresce la tensione, ma io stranamente mi sento calmo. Occorre essere concentrati, da casa non si capisce lo sforzo fisico a cui siamo sottoposti. A volte mi chiedo chi me lo fa fare, ma poi il richiamo è fortissimo”.

Sul tracciato. “Le tappe in Bolivia faranno selezione. Mi aspetto speciali dove la navigazione pesi più della velocità, in pieno stile Coma. Dopo dieci anni di dominio di Marc e Despres, ci sarà qualcosa di nuovo. Tanti vorranno far bene. Barreda, Goncalves, Walkner, Quintanilla, Viladoms, Farres, io…Per me questo sarà un anno importante. Devo capire se sono un pilota buono o forte. Ho la squadra e la moto per fare bene, non ci sono scusanti. Voglio fare una gara da protagonista”.

Infine, Alessandro parla del Merzouga Rally, tappa che entra a far parte del Dakar Series, in cui ha trionfato nel 2015. “Il Merzouga è un Rally ideale per preparare la Dakar. I concorrenti che terminano questa kermesse vedranno infatti accettato il loro dossier d’iscrizione alla Dakar. Inoltre il vincitore ed il rookie riceveranno anche l’iscrizione di diritto. Per chi ama il deserto e si avvicina alla disciplina è un’opportunità eccezionale”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Fonte foto: Pagina Facebook Alessandro Botturi

Lascia un commento

Top