Calcio femminile, Serie A: analisi, statistiche, pagelle e top3 azzurre


12227583_530763577074518_3838057401369293566_n

Nella decima giornata del campionato di calcio femminile di Serie A un nuovo cambio al vertice della classifica generale con il ritorno in vetta del Verona di Renato Longega. Dopo 1 punto in due partite, nelle primi due turni del 2016, le scaligere hanno riassaporato il gusto della vittoria superando allo Stadio Olivieri il S.Zaccaria 3-0. Una prova di qualità e carattere quella delle gialloblu spinta dal capitano Melania Gabbiadini, autrice di due goal e 1 assist nella terza rete di Tatiana Bonetti. Numero 10 gialloblu che, con questa marcatura, sale a quota 16 goal stagionali in seconda posizione nella classifica marcatori alle spalle di Valentina Giacinti (18 realizzazioni). Vittoria importante, come detto in precedenza, valsa la la prima posizione in graduatoria (25 punti) per la sconfitta del Mozzanica di Nazzarena Grilli sul campo del Tavagnacco. La compagine bergamasca, infatti, non è stata autrice di una prestazione esaltante, condizionata probabilmente anche dalle assenza di Manuela Giugliano ed Elisa Bartoli nella trasferta friulana, al cospetto delle gialloblu, molto ben messe in campo seppur anch’esse non in formazione tipo per gli acciacchi di Paola Brumana e Lana Clelland. Tuttavia, il tridente d’attacco costituito da Sofia Del Stabile, Maria Zuliani ed Elisa Camporese ha messo in grave difficoltà la retroguarda orobica, grazie alle iniziative di Zuliani e Del Stabile valse il successo sulla capolista. “Le ragazze sono state bravissime – afferma Mister Sara Di Filippo hanno giocato una partita eccelsa dal primo all’ultimo minuto. Hanno fatto tutto quello che, insieme allo staff tecnico, avevamo preparato in settimana. Abbiamo fatto un passo in avanti rispetto alla prestazione di Brescia e i 3 punti sono arrivati” .Da questo incontro bisogna ripartire  sottolinea Di Filippo: “Partiamo da una base che è già molto importante e procediamo preparando la partita con il Vittorio Veneto per riuscire a portare a casa altri tre punti”. Una vittoria che rafforza la quinta piazza nella classifica generale con 17 punti all’attivo e porta in seconda posizione il Mozzanica a 2 lunghezze dal Verona.

Una giornata poco fortunata anche per il Brescia di Milena Bertolini, fermato dal Bari Pink Sport Time sul punteggio di 2-2, con le leonesse in svantaggio fino al 95′ quando ci ha pensato il neo acquisto Paige Williams ad evitare una clamorosa sconfitta in Puglia. Una prova al di sotto delle aspettative quella delle bresciane, condizionate anche dall’impegno infrasettimanale con la maglia della Nazionale di alcune giocatrici biancoblu. In verità anche l’approccio della squadra del Presidente Cesari ha convinto poco, come sottolinea la stessa Bertolini nell’immediato dopo partita: “Prima della gara avrei detto due persi, poi per come si sono messe le cose lo considero uno guadagnato. Non siamo state brave nell’approcciare alla partita e il primo tempo non abbiamo giocato bene, contro una squadra molto chiusa; nella ripresa c’è stata una reazione importante, ma oggi il pallone non voleva saperne di entrare”. Un pareggio che dunque riporta a 2 punti il gap con l’Agsm, sconfitto due settimane fa nello scontro diretto di inizio 2016.

Altra compagine ad approfittare del rallentamento di Brescia e Mozzanica è la Fiorentina di Sauro Fattori. Le gigliate hanno ottenuto la quarta vittoria consecutiva, al Raimondo Vianello di Roma contro la Res di Mister Fabio Melillo. Un successo 4-0, assai convincente in cui ‘one women show’ è stata Patrizia Panico autrice di una tripletta e riferimento assoluto per le compagne. Le viola, con il susseguirsi delle giornate, acquisiscono sempre più consapevolezza dei propri mezzi e con la vetta così vicina (a 2 lunghezze ed attualmente seconde in coabitazione con Mozzanica e Brescia a quota 23 punti) nessun traguardo è precluso. Lo scontro tra poco meno di una settimana con le capoliste scaligere giunge a fagiolo proprio per verificare la consistenza delle fiorentine opposte ad un avversario assai qualificato.

Chiosando sulle squadre in lotta per la salvezza secondo successo stagionale e ottavo punto in classifica per il San Bernardo Luserna che torna da Bolzano con un 2-0 foriero di ottimismo in vista del proseguo del campionato. Mattatrici dell’incontro Moretti e Alessia D’Ancona, autrici delle reti che hanno aperto e chiuso l’incontro, la prima su bella azione innestata da uno scambio tra Annalisa Favole e Barbieri, e la seconda direttamente dal dischetto dopo un atterramento netto ai danni di Veronica Cantoro. “Quello che contava innanzitutto era il risultato” – ha chiarito l’allenatore Tatiana Zorri – “Le ragazze si sono comportate bene ma dopo il gol si sono forse un po’ disunite. Ci sono ancora degli aspetti da migliorare, e sabato contro il Bari ci aspetta una partita sicuramente difficile contro una squadra che arriverà certamente galvanizzata dal pareggio ottenuto contro il Brescia”.

CLICCA PAGINA 2 PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Lascia un commento

Top