Basket, Preolimpico 2016: Grecia e Croazia sulla strada azzurra da Torino a Rio de Janeiro

basket-bojan-bogdanovic-croazia-fb-bogdanovic.jpg

Saranno Grecia e Croazia i due principali ostacoli per l’italbasket verso la qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016. Il sorteggio, effettuato nella giornata di ieri a Ginevra, ha decretato quali saranno le avversarie per la squadra di coach Ettore Messina.
L’Italia è stata sorteggiata nel gruppo B con Croazia e Tunisia e quindi saranno queste le prime due formazioni che Gallinari e compagni dovranno incontrare. Per accedere alla semifinale bisogna arrivare tra le prime due e a quel punto potremmo trovare una tra Grecia, Messico ed Iran.

A prima sensazione saranno proprio le due europee le avversarie principali nella corsa ai Giochi Olimpici. Contro la Croazia ci giocheremo il primo posto del girone, fondamentale per evitare l’accoppiamento in semifinale con la Grecia, che non dovrebbe avere problemi a vincere il suo girone, e dunque trovarsi un match sulla carta abbordabile con Messico ed Iran.

La prima partita che gli azzurri dovranno affrontare è quella con la Tunisia. Una squadra diversa rispetto alle altre formazioni africane prese, che puntano molto sulla fisicità. Maggior talento nel reparto dei piccoli, anche se la stella è il gigante Salah Mejri, centro di 217cm, ex Real Madrid ed attualmente in forza ai Dalla Mavericks. Negli ultimi campionati africani ha chiuso al terzo posto e vanta una sola partecipazione alle Olimpiadi (2012).

Il giorno dopo affronteremo la Croazia, grande delusa dell’ultimo Europeo, ma potenzialmente la squadra più forte insieme all’Italia di quelle presenti a Torino. Probabilmente dopo la Francia era la seconda squadra da evitare, visto l’immenso talento presente all’interno del roster croato. Mario Hezonja è già un protagonista in NBA con la maglia degli Orlando Magic e dalla prossima stagione a Philadelphia potranno ammirare la classe di Dario Saric. Da due anni sta facendo bene con i New Jersey Nets, Bojan Bogdanovic, che viaggia a quasi dieci punti di media in questa stagione. In squadra anche alcune conoscenze del campionato italiano come Roko Ukic, Rok Stipcevic, Oliver Lafayette e Krunoslav Simon. Nomi eccezionali per una squadra che se trova un’unita di gruppo (mancata completamente all’Europeo) può davvero diventare la principale antagonista per l’Italia in quel di Torino

Se l’Italia dovesse chiudere al primo posto quasi certamente affronterà una tra Messico ed Iran, che si contenderanno probabilmente la posizione dietro alla Grecia. I sudamericani sono una squadra esperta fatta soprattutto di giocatori del campionato nazionale. La stella è il centro Gustavo Ayon, che nella scorsa stagione con il Real Madrid ha vinto tutto (Liga, Eurolega, Coppa Intercontinentale). Anche gli asiatici hanno nel ruolo del centro il loro punto di forza: il gigante Hames Ehadadi di 218cm, che ha avuto anche un passato in NBA senza trovare troppa fortuna.

Prima del sorteggio c’era una certezza: Grecia o Francia. Alla fine l’urna è stata benevola con gli azzurri e alla fine sulla strada verso Rio ci saranno gli ellenici. Una squadra avvolta da un grande punto di domanda: cosa faranno i senatori (Spanoulis, Bourousis, Zisis)? Torneranno in nazionale, dopo aver annunciato il loro addio al termine dell’Europeo? La stella in ogni caso sarà Giannis Antetokounmpo, quindici punti e sette rimbalzi di media a partita con la maglia dei Milwaukee Bucks.

Cinque avversarie, ma la consapevolezza di essere comunque più forti. L’Italia ha in mano il proprio destino e il fattore campo è un ulteriore vantaggio per gli azzurri. Questa volta non si può davvero sbagliare. Torino è la prima tappa di un lungo cammino che si spera avrà come traguardo finale Rio de Janeiro.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

twitter Andre_Ziglio

andrea.ziglio@oasport.it

Foto pagina FB di Bojan Bogdanovic

Lascia un commento

Top