Tennis, il 2015 degli italiani: non solo Pennetta. Fognini/Bolelli doppio da sogno, bene le donne


Fognini-Bolelli Tennis Pagina FB Supertennis

Il 2015 del tennis italiano passerà alla storia giustamente come l’anno dello Slam di Flavia Pennetta. I risultati di prestigio della stagione appena conclusa non sono arrivati soltanto dalla pugliese, anzi. Tutto il movimento si è comportato egregiamente. Ripercorriamo i momenti simbolo della stagione tennistica degli azzurri.

In Australia, nel primo Slam stagionale, arrivano delle inattese eliminazioni per le nostre ragazze. Soltanto Sara Errani e Camila Giorgi si issano fino al terzo turno. Le gioie giungono a sorpresa dal doppio maschile. Fabio Fognini e Simone Bolelli illuminano d’azzurro il Melbourne Park, battendo in finale la coppia francese composta da Herbert e Mahut, ed aggiudicandosi un Major di doppio maschile che mancava all’Italia dal 1959.

Il duo continua a convincere durante tutta la stagione, arrivando in finale ai Master 1000 di Indian Wells, Monte-Carlo, Shanghai ed in semifinale al Roland Garros. La loro stagione si chiude con la meritata partecipazione alle ATP Finals di Londra, concluse senza superare lo scoglio del round robin.

A febbraio, con l’avvento della stagione sud-americana sul rosso, il ligure comincia a fornire ottimi segnali anche in singolare. Nell’ATP 500 di Rio in semifinale batte Rafael Nadal in rimonta, prima di cedere a David Ferrer, sua bestia nera.

Arriva la Davis, e l’Italia di Barazzutti cede a sorpresa al Kazakistan degli oriundi. Kukushkin batte Andreas Seppi e Simone Bolelli, e nel match decisivo Fognini cede sorprendentemente a Nedovyesov. La compagine guidata da Barazzutti ripiomba nello spetto degli spareggi.

L’annata di Fognini prosegue tra alti e bassi. Fabio sconfigge nuovamente Nadal, a Barcellona, prima di arrendersi nel turno successivo ad Andujar. Dopo un Roland Garros ed un Wimbledon in ombra, l’azzurro torna a sorridere sulla sua amata terra, ma stavolta Rafa gli nega la vittoria in finale nell‘ATP 500 di Amburgo al termine di un match combattutissimo.

Fabio arriva così agli US Open, dove rifila la terza sconfitta stagionale al numero uno di Spagna, impresa riuscita soltanto alle leggende viventi di questo sport, ma cede ancora una volta nel turno successivo, ancora una volta ad uno spagnolo (Feliciano Lopez), in quella che può definirsi una maledizione per coloro che osano battere Nadal.

Si ritorna a lottare per l’Italia. Tempo di spareggi di Coppa Davis. Si gioca nella lontanissima Irkutsk. Fabio incanta contro il giovane talento Rublev, fa il suo dovere con Bolelli in doppio e chiude i conti piegando Gabashvili. L’Italia resta nel World Group e sfiderà la Svizzera nel 2016 in quel di Pesaro.

Anche la stagione di Andreas Seppi è stata più che positiva. Partenza sprint con la semifinale in quel di Doha, il bolzanino sfiora l’approdo ai quarti agli Australian Open, sciupando un match point contro Kyrgios al termine di un incontro epico. Il suo ottimo avvio di 2015 prosegue poche settimane dopo, quando giunge in finale nell’ATP 250 di Zagabria, dove cede all’iberico Garcia Lopez.

Dopo un periodo povero di risultati degni di nota, dovuti anche ad un fastidioso infortunio, Andreas conquista un risultato di prestigio, ergendosi sino alla finale di Halle. Nell’ultimo atto del torneo sull’erba tedesca l’azzurro non sfigura al cospetto di Roger Federer, lottando sino al termine.

Negli Slam Seppi fa quel che può, in quanto chiuso dai tabelloni proibitivi. Primo turno al Roland Garros contro Isner, terzo turno a Wimbledon contro Murray, al quale strappa anche un set, ed ancora terzo turno agli US Open contro Djokovic.

Simone Bolelli, oltre ai successi in doppio, riesce a costruirsi un’ottima classifica di singolare a suon di prestazioni convincenti durante tutta la stagione, giungendo sino ai quarti a Sydney, Marsiglia, Bucharest, Nottingham, Amburgo, San Pietroburgo e Shenzhen, a dimostrazione della sua duttilità e del suo adattamento ad ogni sorta di superficie.

Sfortunato negli Slam, dove i sorteggi gli impediscono di portare a casa punti pesanti. Si ferma al secondo turno in Australia, battuto da Federer al quale strappa un set. Sfiora l’impresa al Roland Garros, portando Ferrer al quinto set nel terzo turno. A Wimbledon la sorte gli regala kei Nishikori al primo turno, e si assiste ad un altro quinto set letale al tennista di Burdio. Agli US Open è invece Goffin a stopparlo in avvio. Nel 2016 si spera in una sorte migliore.

Parliamo adesso di Paolo Lorenzi, che ha chiuso la stagione da numero 68 ATP. Partito bene con i quarti a Quito, il “dottore” si è poi costruito la classifica grazie al circuito Challenger. Vittorioso a Eskisehir, Cortina, Pereira e Medellin, Lorenzi ha partecipato alle Finals del Challenger Tour, uscendo nel round robin.

Altro italiano che si è ben disimpegnando nel circuito cadetto è Marco Cecchinato. I trionfi di Torino, la finale di Genova, e le 10 semifinali raggiunte durante l’anno, gli consentono di attestarsi nella top 100 (numero 90 al mondo), e di iniziare il 2016 partecipando per la prima volta in carriera agli Australian Open.

CLICCA SU PAGINA DUE PER l’ANALISI SUL TENNIS AZZURRO AL FEMMINILE

Foto: Pagina FB Supertennis

Lascia un commento

Top