Slittino, Coppa del Mondo: si vola a Park City, Fischnaller deve riscattarsi

Dominik-Fischnaller-Slittino-Pagina-FB-Fischnaller.jpg

Terza tappa per la Coppa del Mondo di slittino. Si resta negli Stati Uniti, dopo Lake Placid, la massima competizione internazionale si trasferisce sul ghiaccio di Park City a due anni di distanza. Pista particolarmente tecnica quella americana, in più sono previste temperature molto basse per il week-end: condizioni ideali per le slitte azzurre.

Non a caso ad imporsi nell’ultima occasione del singolo maschile fu il nostro Armin Zoeggeler: il Cannibale conquistò la sua 56ma vittoria e podio 101 il 15 dicembre 2013. L’attuale direttore tecnico azzurro vinse ai danni di Chris Mazdzer e Wolfgang Kindl, con un gran Dominik Fischnaller ai piedi del podio. Proprio dal 22enne, punta di diamante della truppa del Bel Paese, ci si aspetta il riscatto dopo la prova deludente di Lake Placid (solo 12mo). Obiettivo il podio, per restare nelle zone nobili della classifica di Coppa. Mazdzer (trionfatore in casa settimana scorsa) e Kindl, citati in precedenza, sono tra i favoriti della gara di sabato sera. Assieme a loro l’altro statunitense Tucker West e Felix Loch, campione olimpico non in gran forma in questo inizio di stagione.

Al femminile la pattuglia statunitense ha stupito a Lake Placid, monopolizzando il podio. Erin Hamlin parte ancora con i gradi di favorita in casa: le connazionali Emily Sweeney e Summer Britcher un gradino indietro. Ci si aspetta il riscatto rabbioso da parte delle teutoniche: Dajana Eitberger e la campionessa olimpica Natalie Geisenberger (vincitrice qui nel 2013) puntano al bersaglio grosso. Proveranno a migliorare le prestazioni di inizio stagione le azzurre Sandra Robatscher e Andrea Voetter.

Soliti nomi per quanto riguarda il doppio: continua la battaglia tra Eggert/Benecken (due su due per loro fino ad ora) e Wendl/Arlt, con gli austriaci Penz/Fischler pronti ad inserirsi. Ambiscono il podio anche i fratelli Sics, mentre in casa Italia da tenere d’occhio Oberstolz/Gruber e Rieder/Rastner, leggermente sfavoriti rispetto ai sopracitati, ma pronti al salto di qualità (che significherebbe podio).

Ricordiamo che dopo le tre prove, sarà la prima volta in questa nuova Coppa delle sprint, novità partita lo scorso anno. Tanti punti in palio dunque in chiave classifica.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: FB Fischnaller

Lascia un commento

Top