Sci di fondo, Pellegrino stella delle sprint. Come cresce De Fabiani!


Cross Country World Cup

La Coppa del Mondo di sci di fondo è arrivata al suo primo giro di boa dopo un mese di gare tra Ruka, Lillehammer, Davos e Dobbiaco. Il secondo periodo della corsa alla sfera di cristallo inizierà con l’attesissimo Tour de Ski, vero punto di svolta della stagione sebbene sia Martin Johnsrud Sundby che Therese Johaug sembrano già i padroni indiscussi dell’anno. In casa Italia la corsa a tappe sarà preparata al solito con minuzia di particolari, visto che tra gli uomini non mancheranno ghiotte opportunità per strappare dei risultati di prestigio, sia nelle sprint che nelle gare distance, e considerando il rendimento tenuto fin qui, lo staff ne avrà ben donde.

La nota più lieta è stata senz’altro Federico Pellegrino. Il valdostano si è imposto definitivamente come il miglior interprete della velocità a tecnica libera al mondo ed, in generale, come uno dei migliori sprinter al mondo. L’apice è stata la gara di Dobbiaco, dominata dalle batterie fino all’atto conclusivo con irrisoria facilità nel modo di gestire e controllare lo sforzo durante i vari turni. Una vittoria di testa, prima ancora che di gambe, quelle che invece ha dovuto mettere in moto a Davos per bissare il successo dello scorso anno, a dimostrazione di come il poliziotto di Nus abbia imparato a vincere in qualunque modo. E ora la coppetta di specialità è un obiettivo quantomai concreto. Pellegrino inoltre ha evidenziato sostanziali progressi sulla distanza, come testimoniato dalla staffetta di Lillehammer in cui ha tenuto il passo dei migliori addirittura in tecnica classica. Una notizia migliore, in ottica staffetta, non ci poteva essere.

Immagine

Dopo due prime settimane brillanti, invece, Francesco De Fabiani ha sensibilmente rallentato tanto da non conquistare nemmeno un punto in classifica dopo lo splendido weekend di Ruka. Il valdostano di Gressoney aveva aperto in maniera eccezionale la sua stagione, sfiorando il podio nel mini tour finlandese e classificandosi al quarto posto, battuto soltanto in volata dal norvegese Krogh. Un chiaro segnale della costante crescita del 22enne dell’Esercito, che tuttavia ha pagato dazio alcune gare dal chilometraggio proibitivo ed una pista (quella di Dobbiaco) non amata particolarmente dal vincitore della 15km di Lahti. Il Tour de Ski, però, sembra l’occasione giusta per ripartire.

Immagine

I due valdostani, tuttavia, sono anche gli unici atleti capaci di strappare un reale sorriso all’Italia. Dietmar Nöckler, di fatto, è rimasto troppo nell’ombra fin qui, tanto da raccogliere qualche punticino soltanto nel mini tour di Ruka. Disastrosa, invece, la prima parte di stagione di Roland Clara, il cui miglior risultato fin qui è stato un 19esimo posto a Davos. Potrebbe aver svoltato a Dobbiaco la propria annata Maicol Rastelli, capace di raccogliere un positivo 17esimo posto nell’ultima 15km a tecnica classica.

CLICCA SU PAGINA 2 PER LEGGERE IL BILANCIO SULLA SQUADRA FEMMINILE

Foto: Pentaphoto

Lascia un commento

Top