Sci di fondo, Coppa del Mondo 2015/2016: Norvegia pigliatutto in staffetta, una buona Italia è sesta

Immagine.png

Norvegia, Norvegia e ancora Norvegia. Imbarazzante il dominio dei padroni di casa che monopolizzano il podio della staffetta 4×7,5 Km di Lillehammer.

A trionfare il quartetto composto da Niklas Dyrhaug, Hans Christer Holund, Martin Johnsrud Sundby e Petter Northug che precede Norvegia III di Martin Loewstroem Nyenget, Mathias Rundgreen, Simen Andreas Sveen e Finn Haagen Kroghe e Norvegia II di Emil Iversen, Didrik Toenseth, Sjur Roethe e Anders Gloeersen. Lotta per la prima posizione in bilico sino a metà della terza frazione, quando Sundby decide di salutare il connazionale Sveen, lasciando in dote a Northug ben 14 secondi. Complice una caduta nella seconda frazione di Toenseth, si deve accontentare del terzo gradino del podio Norvegia III, comunque brava con Gloeersen ad aggiudicarsi il duello con Russia I.

Alle loro spalle Russia II e una buona Italia, l’unica in grado di tenere testa ai maestri scandinavi in alternato. Davvero ottime le prove sui binari di Federico Pellegrino e Dietmar Noeckler, con il primo in particolare che conferma i progressi nelle prove distance rispetto alla stagione passata. Promosso anche il carabiniere altoatesino, in difficoltà soltanto nell’ultimo chilometro della sua frazione.

Negativa invece la prova a skating di Roland Clara; in terza frazione il finanziere viene raggiunto e superato da parecchi atleti, concludendo la prova in nona posizione a oltre un minuto dalla vetta. A riportare nelle prime posizioni ci pensa tuttavia Francesco De Fabiani, capace di concludere al sesto posto nella tecnica a lui meno congeniale. Bello sopratutto l’atteggiamento del valdostano, calato leggermente nel finale dopo aver provato ad avvicinare il duo Norvegia II-Russia I in lotta per la terza piazza.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto pagina fb Fisi

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top