Sci di fondo, Coppa del Mondo 2015/2016: la Norvegia di Johaug domina la staffetta femminile

B3rrOuTCYAAAhpJ.jpg

Tutto facile per la Norvegia nella staffetta 4×5 di Lillehammer. Maiken Caspersen Falla, Ingvild Flugstad Oestberg, Therese Johaug e Heidi Weng dominano una gara mai davvero in discussione ed in equilibrio soltanto nei primi chilometri. Secondo posto per la Finlandia (Parmakoski/Niskanen/Mononen/Kylloenen), mentre il podio se lo aggiudica un po’ a sorpresa la squadra statunitense (Brennan/Bjornsen/Stephen/Diggins).

Per i primi otto chilometri ci sarebbe anche partita. La seconda squadra norvegese cerca di forzare l’andatura con Astrid Jacobsen, che consegna il testimone a Kari Slind con qualche secondo di margine sul quartetto vichingo principale. Nella seconda frazione in classico le due norvegesi e la Finlandia (con Niskanen) prendono il largo, ma Oestberg nei due chilometri finali piazza l’accelerazione che spacca definitivamente la gara e saluta le compagne di viaggio. La 25enne, a metà gara, lascia poi il testimone a Therese Johaug e per la dominatrice dello skiathlon di ieri è un gioco da ragazzi aumentare a dismisura il vantaggio sulla finlandese Mononen, che a sua volta stacca nettamente l’altra norvegese Nakstad.

Nell’ultima frazione Weng deve soltanto amministrare l’enorme divario creato dalle sue compagne di squadra. Sul traguardo, il vantaggio sulla Finlandia sarà di oltre due minuti. Il gradino più basso del podio va agli Stati Uniti di una straripante Jessica Diggins, protagonista di una furiosa rimonta nei cinque chilometri conclusivi con cui ha scavalcato Norvegia II. Deludente la Svezia (Ingemarsdotter/Wiken/Rydqvist/Kalla), soltanto quinta davanti alla Germania. L’Italia (De Martin Topranin/Scardoni/Agreiter/Debertolis) disputa una gara completamente anonima, chiudendo in undicesima posizione a quasi cinque minuti dalla vetta.

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter Eurosport Norge

Lascia un commento

Top