Sci Alpino, Coppa del Mondo: velocità, storia e spettacolo, ecco la Saslong! Nyman per eguagliare Ghedina, Svindal favorito, Paris sogna ancora il podio

Dominik-Paris-Sci-alpino-Pagina-FB-Fisi.jpg

Il salto del Looping, quello del Sochers, “le Gobbe del Cammello, la “Curva del Lago”, i “Prati di Ciaslat”, questi nomi fanno pensare subito alla mitica Saslong in Val Gardena. La Coppa del Mondo di sci fa tappa proprio sulle Dolomiti e torna in Italia per una quattro giorni unica e che solo le grandi classiche di Wengen e Kitzbuhel possono avvicinare.
Si comincia venerdì con il superG e poi sabato tocca alla discesa libera; mentre domenica e lunedì spazio alle discipline più tecniche con il gigante dall’Alta Badia e lo slalom in notturna di Madonna di Campiglio.

Grande attesa per la squadra azzurra e soprattutto per Dominik Paris, che lo scorso anno fu uno dei grandi protagonisti sulla Saslong. Il campione altoatesino conquistò prima il secondo posto in supergigante, in una gara da incorniciare per l’Italia con il quinto posto di Innerhofer e il settimo di Marsaglia; il giorno dopo poi altro podio, questa volta terzo in discesa libera, interrompendo un lungo digiuno per l’italia.

Infatti la Saslong, almeno per quanto riguarda la discesa libera, non è mai stata una pista fortunata per i colori azzurri, tranne che per il “Re della Val Gardena” Kristian Ghedina, capace di trionfare su questo tracciato per quattro volte in carriera (1996, 1998, 1999 e 2001) e di salire sul podio in altre tre circostanze. Oltre al poker del campione di Pieve di Cadore, l’Italia in passato ha trionfato un’altra sola volta con Herbert Plank nel lontano 1977.

Discorso un po’ diverso per quanto riguarsa il superG, che si disputa solo dal 2007. La prima ed unica vittoria arrivò nel 2008 con Werner Heel, ma nelle utlime tre stagioni il podio ci è sfuggito solo nel 2013: infatti l’anno precedente solo il norvegese Svindal riuscì a stare davanti ai nostri Marsaglia ed Heel, mentre nel 2014, come già detto, Paris chiuse al secondo posto.

Da oggi prime prove per la discesa libera e fondamentali anche per una selezione interna alla squadra azzurra. Nove posti disponibili e solo in quattro sono certi di essere al cancelletto di partenza (Paris, Innerhofer, Fill ed Heel), mentre in sette si contenderanno gli altri cinque posti: Silvano Varettoni, Matteo Marsaglia, Mattia Casse, Siegmar Klotz, Henri Battilani, Emanuele Buzzi e Paolo Pangrazzi.
In supergigante saranno invece otto i posti disponibili e potrebbe esserci spazio anche per Luca De Aliprandini, che sicuramente sarà poi impegnato domenica in gigante.

Un’Italia che avrà duqnue in Dominik Paris la sua punta di diamante, ma attenzione, soprattutto in superG a Werner Heel e Matteo Marsaglia che amano particolarmente le difficoltà della Saslong e sono già saliti sul podio in passato. Christof Innerhofer non si è mai trovato benissimo su questo tracciato e lo stesso vale anche per Peter Fill, ma quest’ultimo arriva da una trasferta americana molto positiva e che lo ha visto tornare sul podio, con il secondo e terzo posto a Lake Louise.

Dando uno sguardo fuori dai confini italiani ovviamente grandi favoriti, sia per la prova di venerdì che per quella di sabato, sono i norvegesi Aksel Lund Svindal e Kjetil Jansrud. Il primo ha trionfato in supergigante nel 2012 e nel 2013 ed ha già vinto le prime due discese stagionali, mentre il secondo è uno dei grandi amanti della Saslong, visto che ci ha vinto in superG lo scorso anno e in discesa arriva da due secondi posti consecutivi.
La discesa della Val Gardena è sempre stata terra di conquista per pochi eletti e tra questi c’è certamente l’americano Steven Nyman, capace di vincere su questa pista per ben tre volte (unici successi della sua carriera). Un interprete perfetto, come anche il candese Erik Guay, altra possibile sorpresa che vanta un primo posto nel 2013 e due altri piazzamenti sul podio.
Non bisogna poi di certo dimenticare gli austriaci (Matthias Mayer ed Hannes Reichelt), anche se l’ultimo a vincere in Val Gardena fu Michael Walchhofer nel 2010 in superG e ancora prima nel 2008 in discesa.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

foto pagina FB FISI

twitter Andre_Ziglio

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top