Sci Alpino, Coppa del Mondo: Svindal cerca il poker a Santa Caterina, Paris ed Innerhofer pronti al riscatto

Dominik-Paris-Tanaka-Pentaphoto.jpg

Ultimo appuntamento per la Coppa del Mondo maschile e dopo la quattro giorni tutta italiana tra Val Gardena, Alta Badia e Madonna di Campiglio, si resta ancora nel nostro Paese con la discesa libera da Santa Caterina. Sulla pista dedicata alla grandissima Deborah Compagnoni gli uomini jet azzurri cercano di spezzare l’egemonia di Aksel Lund Svindal, assoluto dominatore in questa prima parte di stagione in questa specialità.

Il campione norvegese ha vinto le prime tre discese (Lake Louise, Beaver Creek e Val Gardena) ed è ancora il favorito nella gara di martedì. Il 33enne di Lorenskog ha l’occasione di chiudere l’anno in testa alla classifica generale di Coppa del Mondo, sorpassando nuovamente Marcel Hirscher, che era tornato al primo posto dopo lo slalom di Madonna di Campiglio.

Il primo rivale, Svindal lo ha proprio in casa ed è il connazionale Kjetil Jansrud, sempre sul podio nelle ultime due discese e reduce dalla sorprendente vittoria nel parallelo dell’Alta Badia. Il 30enne di Stavanger con una vittoria potrebbe anche inserirsi nel duello Svindal/Hirscher e diventare il terzo contendente alla coppa di cristallo.

Uomini che sono stati protagonisti una sola volta a Santa Caterina. Lo scorso anno nella prima edizione della discesa maschile si è imposto l’americano Travis Ganong, anche lui tra i favoriti per la vittoria. Attenzione anche al francese Guillermo Fayed, secondo nella classifica di specialità, e poi anche l’austriaco Hannes Reichelt, che ha stabilito il miglior tempo nella prima prova ed è il punto di riferimento dell’Austria dopo il brutto incidente avuto da Matthias Mayer in Val Gardena e che ha messo la parola fine sulla stagione del campione olimpico.

Grande attesa in casa Italia, anche perchè si scia sulle nevi di casa e gli azzurri sembrano apprezzare particolarmente la pista ‘Deborah Compagnoni’. Dominik Paris lo scorso anno ha chiuso al terzo posto e spera di conquistare il primo piazzamento sul podio della stagione. Peter Fill è quello più in forma e vuole confermarsi dopo gli ottimi risultati di questa prima parte di stagione. Potrebbe, poi, essere la gara di Christof Innerhofer, che ha dato segnali di ripresa dopo il secondo posto nella prima prova odierna a soli sette centesimi da Reichelt.

Sicuri di essere al cancelletto di partenza oltre ai tre citati sopra anche Werner Heel, Mattia Casse e Matteo Marsaglia; mentre saranno sei gli azzurri (Silvano Varettoni, Siegmar Klotz, Davide Cazzaniga, Henri Battilani, Emanuele Buzzi e Paolo Pangrazzi) che si contenderanno gli ultimi tre posti disponibili per partecipare alla discesa di martedì.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Tanaka Pentaphoto

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top