Sci alpino, Coppa del Mondo: Norvegia imbattibile a Beaver Creek, Svindal precede Jansrud. 7° Innerhofer

Innerhofer-sci-alpino-Alessandro-Trovati-Pentaphoto.jpg

Monopolio norvegese nella discesa libera di Coppa del Mondo di sci alpino a Beaver Creek (Usa). Aksel Lund Svindal ha trionfato davanti al connazionale Kjetil Jansrud, conquistando la terza vittoria stagionale e ventottesima in carriera. Un successo schiacciante e mai in discussione. Il fuoriclasse scandinavo è apparso inattaccabile: nella parte alta, quella dove contava la scorrevolezza, ha subito guadagnato un margine di mezzo secondo sugli avversari, ma anche sul muro si è difeso egregiamente, pur perdendo qualche decimo da Jansrud, che ha terminato una prova comunque eccellente a 3 decimi dal compagno di squadra. E’ la terza volta che Svindal si aggiudica la discesa della Birds of Prey dopo le edizioni del 2008 e 2013.

Completa il podio il francese Guillermo Fayed, distante ben 7 decimi dalla vetta, ma davanti di 8 centesimi all’austriaco Hannes Reichelt. Quinto l’americano Andrew Weibrecht a pari merito con lo svizzero Carlo a +0.97.

Giornata discreta, ma non eccezionale per l’Italia. Il migliore dei nostri portacolori è Christof Innferhofer, settimo a 1.10 da Svindal. L’altoatesino ha confermato le buone sensazioni di Lake Louise, risultando tra i migliori in assoluto sul muro, dove ha sfoderato dei veri e propri lampi di classe. Domani può puntare a migliorarsi in superG. Innerhofer ha fatto meglio di Peter Fill di appena 4 centesimi: per il 33enne comunque una prestazione solida che lo mantiene al secondo posto nella classifica di specialità, anche se a -88 da Svindal, leader a punteggio pieno con 200 punti. Giornata molto negativa per Dominik Paris: in difficoltà anche nelle prove dei giorni scorsi, l’altoatesino è apparso contratto ed a tratti impacciato, chiudendo appena 20° a ben 1.70. 24° Matteo Marsaglia, fuori dai 30 gli altri azzurri.

In classifica generale Svindal sale a quota 307 punti, seguito da Fill a 172. Il norvegese, che domani potrà mettere altro fieno in cascina in superG, vanta 247 lunghezze di vantaggio su Marcel Hirscher, il quale paga la cancellazione dello slalom di Levi. La sensazione, comunque, è che l’austriaco dovrà sudare molto per aggiudicarsi la sua quinta sfera di cristallo generale consecutiva al cospetto di uno Svindal forse mai così forte.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Alessandro Trovati Pentaphoto

federico.militello@oasport.it

One thought on “Sci alpino, Coppa del Mondo: Norvegia imbattibile a Beaver Creek, Svindal precede Jansrud. 7° Innerhofer”

  1. Luca46 scrive:

    Cosa ne pensate di Paris? Me lo aspettavo come il nome nuovo della discesa libera. Insomma quello in grado di scalzare Svindall o comunque gareggiare alla pari. Invece mi sembra più competitivo in Super-G che non in discesa. Non ne capisco le cause, non è che stanno lavorando dalla parte sbagliata? Federico tu come la pensi?

Lascia un commento

Top