Scherma: i capolavori di Volpi, Navarria e Montano chiudono in bellezza il 2015 dell’Italia


oro fioretto maschile e femminile mondiali mosca 2015 - scherma - foto augusto bizzi federscherma

La prima parte della Coppa del Mondo 2015-2016 di scherma si è chiusa tra novembre e dicembre con i tradizionali Grand Prix, format che unisce le prove individuali maschili e femminili in un’unica location senza le gare a squadre. In ognuna delle tre tappe l’Italia – che da sempre domina sulle pedane – ha conquistato una vittoria capolavoro, ottimo viatico per la fine dell’anno solare culminato con i Mondiali di Mosca e, soprattutto, per l’inizio del 2016 che porterà alle Olimpiadi di Rio 2016.

Sono tanti, infatti, i nodi ancora da sciogliere in casa azzurra. Se la situazione è chiara nel fioretto femminile – qualificate Elisa Di Francisca e Arianna Errigo, oro e argento a Londra, con Valentina Vezzali che ha già annunciato il ritiro a fine stagioneil quartetto rosa di spada è al momento fuori dalle nazioni che voleranno in Brasile e tra gennaio e febbraio dovrà tentare la rimonta. QUI I RANKING OLIMPICI A SQUADRE. 

Fioretto e spada maschile sono al sicuro, mentre la sciabola donne ha un buon vantaggio che tuttavia non può ancora regalare tranquillità. Quanto alla corsa individuale degli sciabolatori, invece, l’Italia occuperà entrambi i posti, ma uno tra Aldo Montano (olimpionico ad Atene 2004), Diego Occhiuzzi (argento a Londra 2012) e Luca Curatoli (21enne in grande ascesa) rimarrà a casa.

Nelle prossime pagine rivivremo arma per arma il 2015 della scherma italiana, con un occhio ai risultati più significativi e, ovviamente, una previsione in vista dell’impegno più atteso, Rio 2016.

 

CLICCA SU PAGINA 2 PER IL FIORETTO

Foto da: Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

Top