Rugby – Pro12, nona giornata: Treviso in casa cerca la prima, le Zebre attendono gli Ospreys con Muliaina

12270582_1242422559118132_586410018_n.jpg

Doppio incrocio sul binario Italia-Galles nella nona giornata del Pro12. Il Benetton Treviso, impegnato nel pomeriggio, insegue ancora la prima vittoria stagionale e proverà a strapparla nel match contro gli Scarlets, forti della prestazione positiva fornita una settimana fa a Glasgow. La franchigia di Llanelli, dal canto suo, ha una ghiotta chance per tornare in testa alla classifica dopo lo scivolone di Connacht in casa dei Blues e schiera di fatto la migliore formazione possibile. Casellato ripropone Hayward all’apertura e sposta Ugo Gori all’ala, mentre in terza linea Alessandro Zanni tocca le 100 presenze in maglia biancoverde.

Treviso: 15 Luke McLean (c), 14 Andrea Pratichetti, 13 Tommaso Iannone, 12 Sam Christie, 11 Edoardo Gori, 10 Jayden Hayward, 9 Chris Smylie, 8 Dean Budd, 7 Alessandro Zanni (c), 6 Francesco Minto, 5 Jeff Montauriol, 4 Teofilo Paulo, 3 Filippo Filippetto, 2 Ornel Gega, 1 Matteo Zanusso
A disposizione: 16 Roberto Santamaria, 17 Alberto De Marchi, 18 Simone Ferrari, 19 Tom Palmer, 20 Marco Barbini, 21 James Ambrosini, 22 Enrico Bacchin, 23 Simone Ragusi

Scarlets: 15 Steff Evans, 14 Michael Tagicakibau, 13 Regan King, 12 Hadleigh Parkes, 11 DTH van der Merwe, 10 Aled Thomas, 9 Aled Davies, 8 Morgan Allen, 7 John Barclay (c), 6 Aaron Shingler, 5 Lewis Rawlins, 4 Jake Ball, 3 Samson Lee, 2 Emyr Phillips, 1 Rob Evans
A disposizione: 16 Kirby Myhill, 17 Dylan Evans, 18 Rhodri Jones, 19 Tom Price, 20 Maselino Paulino, 21 Rhodri Williams, 22 Steve Shingler, 23 Gareth Owen

Le Zebre, invece, hanno l’occasione per vendicare il 36-3 subito un mese fa dagli Ospreys in quel di Swansea, in uno dei primi match giocati dai gallesi con i reduci del Mondiale a disposizione. Gianluca Guidi schiera per la prima volta in gare ufficiali la stella dell’ultimo mercato, Mils Muliaina (100 caps in maglia All Blacks), senz’altro una potenziale arma in più per una squadra decisamente in fiducia (ma senza van Schalkwyk). La sconfitta patita contro gli Scarlets, oltretutto, brucerà ancora parecchio per com’è maturata. Gli Ospreys risparmiano inizialmente Biggar e Alun Wyn Jones, ma schierano ugualmente una formazione sulla carta superiore ai bianconeri. Le Zebre dell’ultimo mese e mezzo, tuttavia, possono giocarsela.
Kick off alle ore 15:00 di domenica 6

Zebre: 15 Mils Muliaina, 14 Dion Berryman, 13 Tommaso Boni, 12 Gonzalo Garcia, 11 Kayle Van Zyl, 10 Carlo Canna, 9 Marcello Violi, 8 Paul Derbyshire, 7 Johan Meyer, 6 Jacopo Sarto, 5 George Biagi (c), 4 Valerio Bernabò, 3 Dario Chistolini, 2 Andrea Manici, 1 Andrea Lovotti.
A disposizione: 16 Oliviero Fabiani, 17 Andrea De Marchi, 18 Guillermo Roan, 19 Marco Bortolami, 20 Federico Ruzza, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Giulio Bisegni, 23 Edoardo Padovani.

Ospreys: Dan Evans, 14 Jeff Hassler, 13 Jonathan Spratt, 12 Josh Matavesi, 11 Eli Walker, 10 Sam Davies, 9 Tom Habberfield, 8 Dan Baker, 7 Justin Tipuric (c), 6 James King, 5 Tyler Ardron, 4 Lloyd Ashley, 3 Dmitri Arhip, 2 Sam Parry, 1 Paul James
A disposizione: 16 Scott Otten, 17 Nicky Smith, 18 Ma’afu Fia, 19 Alun Wyn Jones, 20 Olly Cracknell, 21 Martin Roberts, 22 Dan Biggar, 23 Hanno Dirksen

Twitter: @panstweet

Foto: Romeo Deganello

Lascia un commento

Top