Judo: il Grand Slam di Tokyo chiude il calendario internazionale del 2015

Judo-Edwige-Gwend-Tina-Trstenjak.jpg

Come da tradizione, anche nel 2015 l’anno del judo internazionale si chiuderà con uno dei tornei più importanti del globo, il Grand Slam di Tokyo. Nella capitale nipponica, i padroni di casa del Giappone saranno ancora una volta i favoriti in gran parte delle categorie, e cercheranno quanto meno di ripetere i risultati della passata edizione, dove ottennero sette medaglie d’oro sulle quattordici disponibili e ben ventotto piazzamenti sul podio complessivi. Lo squadrone del Sol Levante potrà contare su quattro rappresentanti per categoria, privilegio riservato alla formazione di casa, e schiererà praticamente tutti i propri migliori judoka, con l’eccezione di qualche infortunato, compresi i medagliati degli ultimi Mondiali di Astana (clicca qui per la lista dettagliata dei convocati giapponesi).

Tra le squadre che tenteranno di rivaleggiare con il Giappone si sarà certamente la Corea del Sud, che nel 2014 conquistò il secondo posto nel medagliere con tre ori e tre bronzi, e che è reduce dai trionfi del Grand Prix di Jeju, di fronte al proprio pubblico. Dopo un periodo di stasi, il movimento sudcoreano sta infatti trovando nuova linfa con una nuova generazione che sembra essere definitivamente esplosa dopo la rassegna iridata dello scorso agosto. Kim Won-Jin (60 kg), An Chang-Rim (73 kg) e Gwak Dong-Han (90 kg), vincitori la settimana scorsa sull’isola di Jeju, partiranno tutti con la testa di serie numero uno delle rispettive categorie.

Da seguire, come sempre, saranno anche i judoka della Francia, che però non potrà contare sulla campionessa in carica della categoria 70 kg, Gévrise Émane, che nel frattempo si è anche laureata campionessa mondiale per la terza volta in carriera. Assenti anche Teddy Riner (+100 kg) e Clarisse Agbegnenou (63 kg), vincitori in Corea del Sud, la Francia sia affiderà al vincecampione mondiale degli 81 kg, Loïc Pietri, mentre proprio in queste ore è arrivata la notizia del forfait di Automne Pavia (57 kg), reduce da un periodo di risultati deludenti (clicca qui per la lista dei convocati francesi).

L’Italia, dal canto suo, schiererà una formazione composta da sei atleti, quattro uomini e due donne: Elio Verde (66 kg), Antonio Ciano (81 kg), Walter Facente (90 kg), Domenico Di Guida (100 kg), Odette Giuffrida (52 kg), Edwige Gwend (63 kg). Proprio quest’ultima ottenne lo scorso anno uno straordinario risultato vincendo la medaglia d’argento, battuta solamente in finale dalla slovena Tina Trstenjak. Anche in questa edizione. La favorita sarà la campionessa mondiale in carica, ma Gwend potrà comunque beneficiare di una testa di serie numero cinque che potrebbe permetterle di lottare ancora per il podio. Testa di serie sarà anche Giuffrida, che partirà come numero sette del seeding guidato dalla francese Annabelle Euranie, recente vincitrice del Grand Slam di Abu Dhabi nonostante i trentatré anni all’anagrafe. Per tutti gli azzurri, comunque, Tokyo sarà un’importante occasione per raccogliere punti utili in vista della qualificazione olimpica

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top