Golf, la stagione delle italiane. Ottimo rientro per mamma Diana Luna

1016558_713238402041904_373011933_n.jpg

La stagione 2015 di Golf al femminile è stata segnata in positivo dal rientro alle competizioni di mamma Diana Luna. La romana, che possiede in bacheca 5 titoli del Ladies European Tour (LET), si è riaffacciata nel circuito a soli tre mesi dalla nascita di Flavia, piazzandosi al 27° posto al Buick Championship in Cina. Ritrovata la forma e, soprattutto, l’abitudine alla gare, Diana ha colto un ottimo 13° posto in uno dei tornei più belli e singolari, ovvero l’ISPS Handa Ladies European Masters, che vedeva ai nastri di partenza le migliori giocatrici del LET. 39esima allo Scottish Open, 44esima all’Hero Womens Indian Open, la Luna ha chiuso con un risultato di prestigio. L’azzurra si è infatti piazzata al 12° posto nell’ultimo evento stagionale, l’Omega Dubai Ladies Masters. Il 2016 potrebbe segnare il ritorno al vertice per la golfista laziale.

Per Margherita Rigon il 2015 appena concluso era partito nel migliore dei modi, con un importante quarto posto conquistato al Buick Championship in Cina. Il buon inizio purtroppo non è stato confermato con le successive prestazioni al di sotto delle aspettative. 33esima allo Scottish Open, 25esima all’Open di Francia, la Rigon ha chiuso la stagione con il 33° posto al Dubai Ladies Masters.

Per quanto riguarda Giulia Sergas, c’è da dire che la triestina ha preso parte soltanto a sei appuntamenti del LET. Dopo un avvio in sordina all’ISPS Handa Australian Open (127° posto), l’azzurra ha collezionato la 13esima piazza in Nuova Zelanda, il 12° posto all’Helsingborg Open, il 28° posto all’Open di Francia e l’ottima sesta posizione all’Indian Open. Stagione buona dunque per la 37enne golfista italiana, che si è inoltre piazzata 41esima allo Yokohama LPGA Classic.

Capitolo Stefania Croce. La veterana bergamasca ha disputato un’annata senza infamia e senza lode, chiudendo molti eventi a metà classifica. Miglior risultato il 18° posto al Pilsen Golf Masters.

Sottotono Sophie Sandolo. L’ azzurra, nativa di Nizza, raramente si è fatta notare nelle posizioni medio-alte della classifica. Miglior risultato il 49° posto conquistato all’Open di Francia.

Salvo qualche risultato importante e di prestigio, la stagione delle golfiste italiane è stata avara di successi. Gli ultimi ranking, sia del LET che dell’LPGA, evidenziano le difficoltà delle atlete azzurre. Nel circuito europeo la meglio piazzata è Margherita Rigon, 46esima, mentre nell’LPGA la truppa tricolore è guidata da Giulia Sergas, 284esima.

Nel 2016 le azzurre sono chiamate ad ottenere indubbiamente qualcosa in più, considerando anche l’appuntamento chiamato Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Vi ricordiamo che infatti il Golf tornerà ad essere disciplina Olimpica dopo ben 112 anni, dai Giochi di St.Louis 1904.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top