F1: Mercedes ammette l’inesistenza di prove contro la Ferrari nel caso ‘Hoyle’

Rosberg-F1-FOTOCATTAGNI.jpg

Vi avevamo parlato circa 1 settimana fa di Mercedes e di Benjamin Hoyle, ex ingegnere delle frecce d’argento, accusato di aver trafugato dati e documenti importanti per la Casa di Stoccarda. Secondo l’azienda tedesca infatti il tecnico, in procinto di passare alla Ferrari, avrebbe salvato tutti i parametri relativi al motore e i codici utili a decifrare la telemetria del GP d’Ungheria 2015, sostenendo, inoltre, che “le azioni di Hoyle sono state calcolate per distruggere o danneggiare seriamente il rapporto di fiducia con la Casa. Il signor Hoyle ha fornito  potenzialmente un guadagno illecito alla Ferrari”. (clicca qui per saperne di più)

Ebbene, a distanza di 7 giorni, gli equilibri sono mutati perché da Stoccarda, attraverso il proprio sito ufficiale, hanno fornito un’ulteriore chiarificazione a riguardo ammettendo che:Nessuna prova sul coinvolgimento del team di Maranello e le investigazioni proseguiranno nei prossimi mesi (2-4) per accertare la veridicità dei fatti nei confronti del sig.Hoyle”.

Immagine

Un contrasto tra Ferrari e Mercedes dissolto come una bolla di sapone? Nel caso specifico probabilmente si anche se, sul tema del regolamento 2016, avremo senz’altro diverse pagine ancora da scrivere.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

FOTOCATTAGNI

twitter: Giandomatrix

Lascia un commento

Top