F1: matrimonio Red Bull-Renault con motore che si chiamerà Tag-Heuer

Ricciardo-Red-Bull-Valerio-Origo.jpg

Due grandi notizie nell’orbita Red Bull. La Casa anglo austriaca ha ufficializzato, infatti, il proprio matrimonio con la Renault nella fornitura dei suoi propulsori che però avranno il nome del brand TAG-Heuer, con l’importante azienda svizzera di orologi che comparirà nella denominazione ufficiale delle power unit francesi.

Non essendo riuscita ad ottenere i motori Mercedes e Ferrari, la RB si è vista quasi costretta a rinnovare il proprio contratto con il fornitore transalpino per il decimo anno, dopo che nel corso della stagione le polemiche tra il Team di Chris Horner e il costruttore d’oltralpe non erano certo mancate. Una notizia che arriva dopo la conferma del ritorno in F1 della Renault, da costruttore ufficiale dal 2016 nella gestione di telaio e motore, avendo rilevato la Lotus a titolo definitivo (clicca qui per saperne di più).

Un accordo che dunque mette la parola fine alla tanti voci che avevano riguardato la squadra 4 volte campione del mondo con Sebastian Vettel e che, per bocca del Team Principal Horner ha accolto assai favorevolmente la continuazione del sodalizio con i propulsori francesi griffati Tag Heur: “TAG Heuer e la Red Bull sono due marchi di tendenza e rappresentano una icona della Formula 1. Siamo lieti che un’azienda così importante in F1 abbia scelto di collaborare con noi. I valori comuni di innovazione e voglia di primeggiare rendono questa partnership tra le più emozionanti del Circus. Inoltre siamo felici di vedere che Renault abbia rafforzato il suo impegno in F1 e voglio ringraziarli per il lungo lavoro con noi. Il loro accordo con la Ilmor è un’ulteriore elemento che ci rende fiduciosi in vista del 2016″. 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Foto di Valerio Origo

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top