Boxe: attesa per le azzurre nel 2016, gli uomini puntano al riscatto

boxe-russo-clemente1.jpg

L’Italia pugilistica si presenta agli albori del 2016 con il chiaro obiettivo dei Giochi Olimpici di Rio 2016 – e non potrebbe essere altrimenti. Al momento, però, solamente il peso mediomassimo Valentino Manfredonia ed il peso massimo Clemente Russo hanno in tasca il pass a cinque cerchi, mentre per tutti gli altri ci sarà ancora da sudare.

Dopo un 2015 in chiaroscuro, ben riassunto dallo zero nella casella delle medaglie iridate, l’Italboxe maschile andrà alla ricerca di un riscatto nel 2016. Il primo obiettivo sarà quello di qualificare il maggior numero possibile di pugili nelle otto categorie di peso che ancora non hanno azzurri qualificati, attraverso il fondamentale appuntamento del torneo continentale di Istanbul (20 aprile-1° maggio). L’obiettivo a lungo termine sarà chiaramente quello di salire sul podio olimpico: non dimentichiamo, infatti, che la boxe è il quarto sport più medagliato nella storia dell’Italia ai Giochi, con quindici ori e quarantasette podi complessivi. Inoltre, l’ultima edizione a cinque cerchi in cui gli azzurri non salirono sul podio in questo sport risale ad Atlanta 1996. Inutile dire che i principali indiziati per salire sul podio sono proprio i due atleti già qualificati: Russo è reduce da una stagione Aiba Pro Boxing che lo ha visto affermarsi come numero due della categoria, ma dovrà soprattutto affrontare il riadattamento ai match sulle tre riprese; Manfredonia, invece, ha saltato una rassegna iridata dove forse avrebbe potuto salvare la spedizione azzurra, ma sia nelle World Series of Boxing che ai Giochi Europei di Baku ha dimostrato di essere fra i migliori.

Grandi speranze e fiducia ci sono invece nei confronti della boxe femminile, dove negli ultimi anni l’Italia ha sempre recitato un ruolo da protagonista. Oltre alla già citata competizione di Istanbul, per le ragazze ci sarà anche l’importante appuntamento dei Campionati Mondiali di Astana, in programma dal 19 al 27 maggio, che non solo determineranno le qualificazioni ai Giochi, ma distribuiranno, per l’appunto, le medaglie iridate, con la spedizione azzurra che sarà chiamata a difendere il bottino di tre medaglie conquistato nel 2014 in Canada. Nelle categorie olimpiche, terrà banco soprattutto la sfida interna tra Marzia Davide e Terry Gordini, entrambe medagliate iridate che puntano a qualificarsi tra le 51 kg, mentre grande curiosità ci sarà per vedere all’opera tra le elite la talentuosa Irma Testa, fuoriclasse delle categorie giovanili sulla quale si punta molto per un pass tra le 60 kg.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top