Volley, SuperLega – Quinta giornata: Macerata demolisce Perugia, Modena in testa, Trento risponde

Vettori-2-Modena-Valerio-Origo.jpg

Modena si conferma in testa alla classifica della SuperLega, il massimo campionato italiano di volley maschile, anche al termine della quinta giornata.

I canarini hanno sconfitto nettamente Latina in un big match che si è rivelato molto più squilibrato di quello che doveva essere sulla carta. Lorenzetti ha dovuto fare a meno di Earvin Ngapeth: si è parlato di punizione cancellata (come noi stessi abbiamo riportato ieri sera), ma lo schiacciatore francese è rimasto ancora out dopo il noto incidente automobilistico (dovremmo rivederlo giovedì sera in Champions League ma Montali, advisor DHL, non pare molto convinto come dichiarato nella giornata odierna).

A risolvere la contesa odierna ci ha pensato un monumentale Luca Vettori (18 punti) che senza lo schiacciatore francese in campo viene cercato con insistenza da Bruninho e riesce a primeggiare in maniera continua. Bene anche Nemanja Petric (14) che alla vigilia non era dato nelle migliori condizioni fisiche, da annotare i 3 muri di Matteo Piano. Per Latina troppi errori, la prestazione opaca di Pavlov e Yosifov, Hirsch unico in doppia cifra (11).

 

Grandissima prova di Macerata che stravince il big match di giornata espugnando il Pala Evangelisti di Perugia con un netto 3-0. I padroni di casa, che settimana scorsa avevano sconfitto Trento e oggi cercavano un nuovo grande scalpo, sono rimasti in partita solo nel secondo e nel terzo set ma la Lube è stata più reattiva e solida mentalmente nei momenti cruciali della sfida. I cucinieri salgono così al secondo posto, mantenendosi a un punto di distanza dalla capolista Modena.

Sugli scudi il solito Juantorena (14 punti) nella giornata in cui Ivan Miljkovic è tornato in campo: l’opposto serbo, a 36 anni suonati, ha ottenuto il transfer italiano, ha rivestito la casacca del suo primo amore italiano (questa volta addirittura con la lasagna da capitano) e ha contribuito alla causa segnando 10 punti. Giulio Sabbi è così stato rispedito in panca e si profila la cessione: o Monza (domani i primi contatti) o in Turchia.

Bene i due centrali Podrascanin (10 punti, 2 muri, 2 aces) e Stankovic (9 punti, 2 muri, 2 aces). Simone Parodi fatica ancora in attacco (5 punti) ma è fenomenale in ricezione con un super Grebennikov da libero nonostante i dubbi fisici della vigilia.

A Perugia non sono bastati i 20 punti di Atanasijevic nella giornata no di Kaliberda (3) e con un Fromm da 10 marcature. Birarelli taglia il traguardo dei 1000 punti ma la giornata è amara per il capitano della nostra Nazionale.

 

Per Trento tutto abbastanza facile in trasferta contro Ravenna. I Campioni d’Italia si impongono per 3-0 e si mantengono al terzo posto della classifica, trascinati ancora da un grande Filippo Lanza (16 punti) con Djuric che si è fermato a 13 punti e non ha dovuto strafare. I dolomitici hanno commesso anche qualche leggerezza di troppo al servizio ma hanno dominato in ricezione.

La sfida si è decisa nel secondo set quanto Ravenna era avanti 8-4 ma è andata in tilt sul servizio di Antonov capace di piazzare un parziale di 7-0 che ha indirizzato la sfida. Il discorso si è ripetuto nel terzo parziale (da 10-10 a 14-10).

 

Nell’innovativo anticipo di mezzogiorno Verona aveva sconfitto Piacenza, ottenendo la terza vittoria consecutiva e facendo festeggiare il suo pubblico che poi si è allietato con una risottata in compagnia al PalaOlimpia.

Successo determinante per i ragazzi di Giani che si confermano nei piani alti della classifica, trascinati da Uros Kovacevic (19 punti per l’mvp dell’incontro) e da Sasha Starovic (17) ben imbeccati da Baranowicz, facendo leva su una grande prestazione a muro (11, 3 a testa per Zingel e Kovacevic) e al servizio (8 aces), tirando fuori il cuore sul finale dove hanno rimontato cinque punti di svantaggio per chiudere la contesa in loro favore. Per gli emiliani è invece arrivato il terzo stop consecutivo e la classifica inizia a piangere: doppia cifra solo per Zlatanov (10, si avvicina a quota 9500).

 

Molfetta ha steso Padova grazie ai 18 punti di Hernandez (12 per Ferreira e 11 per Randazzo). La quinta giornata di SuperLega si completerà martedì sera quando a Castellanza si giocherà l’atteso derby tra Milano e Monza.

 

Di seguito tutti i risultati dettagliati della quinta giornata di SuperLega e la nuova classifica:

CMC Romagna vs Diatec Trentino        0-3 (22-25; 19-25; 21-25)

DHL Modena vs Ninfa Latina           3-0 (25-20; 25-20; 25-23)

Calzedonia Verona vs LPR Piacenza         3-1 (25-23; 25-15; 20-25; 25-23)

Sir Safety Conad Perugia vs Cucine Lube Banca Marche Macerata           0-3 (16-25; 22-25; 22-25)

Exprivia Molfetta vs Tonazzo Padova           3-0 (25-16; 26-24; 25-22)

Revivre Milano vs Gi Group Monza          martedì 17 novembre, ore 20.30

 

# SQUADRA PUNTI PARTITE GIOCATE PARTITE VINTE
1. Modena 14 5 5
2. Macerata 13 5 5
3. Trento 12 5 4
4. Verona 11 5 4
5. Molfetta 10 5 3
6. Perugia 9 5 3
7. Latina 6 5 2
8. Ravenna 4 5 1
9. Piacenza 3 5 1
10. Padova 3 5 1
11. Monza 1 4 0
12. Milano 1 4 0

 

Lascia un commento

Top