Volley, SuperLega – Ottava giornata: Modena batte Macerata, aggancio in vetta! Trento e Perugia in scia

Earvin-Ngapeth-Champions-League-Modena-volley.jpg

Una battaglia campale, degna dello scontro diretto tra le prime due della classe. La supersfida tra Macerata e Modena si risolve solo al tie-break dopo due ore e mezza tiratissime, combattutissime e di altissimo livello tecnico, spettacolare spot per la SuperLega che ci ha regalato un’ottava giornata davvero sbalorditiva ed emozionante.

I canarini espugnano il campo della Lube dopo essere stati in vantaggio per 2-0 ed essersi fatti rimontare, prima di trionfare solo ai vantaggi di un quinto set davvero da thrilling, vissuto sempre in rimonta. Ora il massimo campionato italiano di volley maschile ha due capoliste: Macerata e Modena, infatti, dividono la vetta della classifica (20 punti, 7 vittorie a testa con i cucinieri che perdono la loro imbattibilità stagionale, identico quoziente set, marchigiani avanti solo per quoziente punti).

Perugia è però distante solo due punti, Verona e Trento sono solo a tre lunghezze: quando mancano solo tre giornate al termine del girone d’andata (e tre big match da giocare: cioè Trento vs Macerata, Modena vs Perugia, Verona vs Trento), la SuperLega è più incerta che mai.

 

Sfida tra campioni. Osmany Juantorena ed Earvin Ngapeth hanno lottato punto a punto, trascinando le rispettive squadre. A livello individuale l’ha spuntato la Pantera (28 punti, top scorer assoluto dell’ottava giornata di SuperLega) che ha però fallito una palla set, i 24 punti dello schiacciatore francese hanno probabilmente inciso maggiormente nelle dinamiche di Modena, che nonostante la pessima giornate della bande Nikic e Petric è riuscita ad avere la meglio anche grazie ai 17 punti di Vettori che è stato decisivo nel tie-break e all’ottimo Lucas (14) chiamato spesso in causa da Bruninho.

Coach Blengini, dopo aver trascinato l’Italia alla qualificazione alle Olimpiadi 2016 e al terzo posto agli Europei, ha perso il suo primo big match sulla panchina di Macerata mentre Lorenzetti fa festa dopo che aveva perso contro Trento la prima sfida d’alta classifica. Miljkovic si fa sentire con 18 punti, ma alla Lube manca proprio l’apporto dell’altra banda (Cebulj titolare con Cester al centro) con la variazione di modulo per tenere in campo tre italiani (come previsto da regolamento) che non ha dato i risultati sperati.

 

Trento approfitta dell’esito del big-match e accorcia a tre punti il distacco dalla coppia di testa. I dolomitici si rialzano bene dallo scivolone di Molfetta e non hanno problemi a sconfiggere Latina davanti al proprio pubblico, grazie a una sontuosa prova di squadra a muro (9, 3 a testa per Solè e l’ex Van De Vorde) che viene presa per mano da Mitar Djuric (15 punti). Giannelli insiste sul suo opposto (spazio anche per Nelli, 4 punti) e non deve trovare mole importante di punti da capitan Lanza e Antonov (8 a testa). A Latina non sono bastati i 15 punti di Hirsch.

Perugia alza le barricate, stampa addirittura 11 muri e asfalta così Molfetta che non riesce a replicare l’impresa di mercoledì contro i Campioni d’Italia. Pugliesi (debutto in panchina di Montagnani, Gulinelli è diventato CT dell’Egitto) fallosi e imprecisi in attacco, umbri trascinati dal solito Atanasijevic (17 punti), dai 4 muri di Buti e dal buon contributo di Fromm (11) mentre l’Exprivia non è riuscita mai a impensierire i Block Devils nonostante i 15 punti di Hernandez. Ora la Sir Safety sogna in grande: la vetta è distante solo un paio di punti.

Verona sbriga velocemente la formalità Milano e si conferma al quarto posto abbracciata a Trento. I ragazzi di Giani conducono una meravigliosa partita sottorete, realizzando 13 stampatone (4 a testa per Zingel, Anzani e Starovic) mentre il top scorer dell’incontro sarà Kovacevic (14).

Padova festeggia il suo secondo successo stagionale e annichilisce una spenta Ravenna, rimettendo in discussione il discorso qualificazione alla Coppa Italia. Per i veneti prestazione mostruosa al servizio (9 aces, 5 di Averill), Berger top scorer (15) nella giornata in cui Giannotti non va a referto. Inutili i 22 punti di Torres. L’ottava giornata di SuperLega si concluderà martedì sera con il posticipo tra Piacenza e Monza.

 

Di seguito tutti i risultati dettagliati dell’ottava giornata di SuperLega e la nuova classifica generale: 

Cucine Lube Banca Marche Civitanova vs DHL Modena       2-3 (22-25; 19-25; 25-18; 25-19; 15-17)

Diatec Trentino vs Ninfa Latina       3-0 (25-22; 25-17; 25-16)

Sir Safety Conad Perugia vs Exprivia Molfetta         3-0 (25-22; 25-22; 25-16)

Calzedonia Verona vs Revivre Milano       3-0 (25-16; 25-20; 27-25)

Tonazzo Padova vs CMC Romagna       3-0 (30-28; 25-20; 28-26)

LPR Piacenza vs Gi Group Monza        martedì 1° dicembre, ore 20.30

 

# SQUADRA PUNTI PARTITE GIOCATE PARTITE VINTE
1. Macerata 20 8 7
2. Modena 20 8 7
3. Perugia 18 8 6
4. Verona 17 8 6
5. Trento 17 8 6
6. Molfetta 13 8 4
7. Latina 9 8 3
8. Ravenna 9 8 3
9. Monza 7 7 2
10. Padova 6 8 2
11. Piacenza 3 7 1
12. Milano 2 8 0

 

Lascia un commento

Top