Volley, Serie A femminile – Settima giornata: le pagelle. Show Tomsia e Glass, Orro e Guerra fenomeni

Volley-femminile-A1-Roberto-Muliere.jpg

Nel weekend si è disputata la settima giornata della Serie A1 di volley femminile (clicca qui per cronaca, risultati e classifica). Di seguito le nostre consuete pagelle con le migliori e le peggiori del turno.

 

BERENIKA TOMSIA: 10. Montichiari la porta in trionfo al termine di una prestazione inaudita con cui stende Novara a domicilio. Nella classifica partita che sembra senza storia, l’opposta mette giù 25 punti (4 muri), giganteggia nei primi due parziali vinti dalle toscane e poi risalta fuori nel tie-break quando si carica la squadra sulle spalle e la porta verso l’impresa.

ALISHA GLASS, MEGAN EASY e KELSEY ROBINSON: 9. Un terzetto micidiale che conduce Conegliano alla netta vittoria su Piacenza. La palleggiatrice spazia su tutto il fronte d’attacco, le due schiacciatrici concretizzano nel migliore dei modi (16 e 15 punti), con un turno di servizio della Robinson decisivo per chiudere il gap nel secondo parziale.

CARLI LLYOD: 8,5. Da ex della partita orchestra alla perfezione la sua Casalmaggiore al PalaYamamay di Busto Arsizio dove fu assoluta protagonista della conquista dello scudetto. La regista statunitense si riprende la vetta personale della classifica insieme alle Campionesse d’Italia, rifilando un secco 3-0 alle Farfalle. Sono le sue mani a ispirare le eccellenti Tirozzi (14 punti), Kozuch (13) e Stevanovic (10 con 4 muri).

ANASTASIA GUERRA e ALESSIA ORRO: 8. Momento storico: il Club Italia ha vinto la sua prima partita in Serie A1. Le nostre azzurrine, ragazze che in futuro saranno chiamate a rappresentare la nostra Nazionale, hanno violato il campo di Bolzano con tanta personalità e aggressività, trascinati dalla regia superlativa della Orro e da un’indemoniata Anastasia Guerra da 22 punti (3 muri, ma soprattutto 68% in attacco), senza dimenticare la stellina Paola Egonu (14).

 

INDRE SOROKAITE: 5. Troppi errori, alcuni anche in momenti cruciali e decisivi per le sorti dell’incontro perso contro Conegliano. L’opposta di Piacenza commette ben sei errori in attacco, subisce 3 muri e concretizza solo il 35% dei palloni che le capitano in mano.

BUSTO ARSIZIO: 5. Un altro brutto ko e la stagione delle Farfalle inizia a prendere una brutta piega. Nuova sconfitta casalinga, un secco 3-0 contro Casalmaggiore, faticando in attacco e a trovare delle percentuali rilevanti.

LA GESTIONE DI NOVARA: 4. Al termine di una settimana infernale sotto il profilo societario, le vicecampionesse d’Italia incappano nella seconda sconfitta consecutiva e la crisi è aperta. Le colpe ricadevano su Signorile, viene lasciata in panca e le piemontese vanno sotto 0-2 in casa contro Montichiari; poi la palleggiatrici subentra, pareggiano e perdono al tie-break. La panchina di Pedullà scotta…

Foto: Roberto Muliere

 

Lascia un commento

Top