Vela, Mondiali 49er/49er FX: : rotta su Rio per Conti-Clapcich, azzurri opachi nel 49er

1509998_758458580854619_645951304_n.jpg

Sette anni dopo il trionfo di Alessandra Sensini, l’Italia torna a conquistare un titolo nelle classi olimpiche. Si tratta del 18° della storia italiana, il primo dei quali ottenuto da Straulino-Lode nel 1953 (clicca qui per tutti i titoli iridati). Lo fa nella specialità più spettacolare, quel 49er FX dove le acrobazie sono all’ordine del giorno. Meglio non parlare tuttavia di ciliegina sulla torta per quanto fatto vedere a San Isidro da Giulia Conti e Francesca Clapcich.

Il binomio formato dopo Londra 2012 in questi tre anni ha raccolto soddisfazioni e gioie in tutte le competizioni, conquistando anche un bronzo iridato e un oro europeo. Per completare l’opera ora non resta che salire sul podio olimpico il prossimo anno a Rio.

Non un’ossessione, come ha più volte sottolineato Giulia Conti, ma una settimana da affrontare come le altre, con la consapevolezza di essere capaci di raccogliere qualcosa di importante in qualsiasi tipo di condizione. Come nella passata stagione, quando l’infortunio ai legamenti della caviglia non impedì a Francesca Clapcich di mettersi al collo una medaglia di bronzo mondiale nonostante la condizione precaria. Un traguardo raggiunto grazie anche alla caparbietà e alla forza di Giulia, da sempre la migliore nei test fisici nazionali e pronta a raccogliere quell’alloro sempre sfuggito nei 470 in coppia con Giovanna Micol. 

Animo opposto invece in campo maschile. A deludere sono stati in particolare Stefano Cherin e Andrea Tesei, reduci dal secondo posto in Coppa del mondo e mai a loro agio nelle acque argentine. I migliori in classifica si sono rivelati i cugini Dubbini, alla fine 23esimi. Poco più indietro Ruggero Tita e Pietro Zucchetti, protagonisti di un ottimo inizio ma risultati poi troppo discontinui. Per avere un quadro più chiaro su chi rappresenterà l’Italia a Rio bisognerà aspettare le regate del 2016.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top