Speed skating, Coppa del Mondo Salt Lake City: Italia in cerca di conferme e miglioramenti

Andrea-Giovannini-Speed-skating-Profilo-FB-Giovannini-Libera.jpg

Senza soluzione di continuità la stagione 2015-2016 dello speed skating giunge alla seconda tappa di World Cup sull’anello di ghiaccio di Salt Lake City (Usa). A distanza di una settimana dal primo appuntamento dell’anno agonistico di Calgary, il round americano è una verifica immediata sui riscontri emersi in terra canadese.

In casa Italia, l’esordio stagionale è stato caratterizzato da luci e ombre. Di sicuro, il risultato più importante è stato lo splendido terzo posto della gara ad inseguimento a squadre in cui Andrea Giovannini, Fabio Francolini e Luca Stefani sono riusciti nell’impresa di centrare un podio che non arrivava dai tempi di Enrico Fabris. Una lieta novella per i pattini azzurri cui hanno fatto seguito, per certi versi,  le prestazioni in generale di Giovannini, apparso in buone condizioni. I record cronometrici sui 1500m e 5000m rappresentano un dato importante da cui partIre per il ct Maurizio Marchetto e l’atleta trentino per continuare nel processo di crescita. Se vogliamo, la delusione di Calgary è stata la specialità che, sulla carta, è più nelle corde del giovane 22enne di Baselgà di Pinè. Parliamo della Mass Start, che tanti bei riscontri aveva portato ad Andrea nell’annata passata con la top3 nella classifica di World Cup della distanza. In Canada è arrivato un anonimo nono posto che potrà essere prontamente riscattato negli Usa. Un spirito di rivalsa che animerà, sempre sulla stessa gara,  Fabio Francolini, vice campione del mondo della gara di gruppo ad Heerenveen 2015. solo decimo nel primo round dell’anno.

A Salt Lake City cercherà risposte diverse anche Francesca Lollobrigida, un po’ deludente nelle sue gare in terra canadese, ovvero 3000m e Mass Start. La pluricampionessa d’Europa di pattinaggio a rotelle che quest’anno, d’accordo con la Federazione e il professor Marchetto, sta seguendo un programma di allenamento in Olanda, allo scopo di migliorare la tecnica, deve trovare la migliore condizione e anche assorbire dei carichi di lavoro diversi. Ci si augura che già negli States Francesca riesca ad ottenere dei risultati migliori. Un movimento che comunque si sta allargando ad altri nomi come Francesca Bettrone, terza nella Mass Start Divisione B in Canada, e in un buona evidenza nei 3000m sempre nella seconda graduatoria. Un progetto quello italiano, pertanto, orientato ad inserire elementi nuovi nel roster, capaci di migliorare di gara in gara, acquisendo le esperienze giuste in un contesto così qualificato come la Coppa del Mondo.

Per concludere, sul ghiaccio americano è lecito attendersi lo show della squadra veloce stelle e strisce femminile con Heather Richardson e Brittany Bowe grandi protagoniste a Calgary sulle distanze medio-veloci. Nello stesso anche i russi con Denis Yuskov e Pavel Kulizhnikov hanno messo un po’ in secondo piano gli ormai tradizionali successi orange. Non ci resta dunque che attendere l’inizio delle “danze” programmato per venerdì 20 Novembre, tenendo impegnati nel corso dell’intero weekend.

PROGRAMMA GARE

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Immagine: profilo FB Andrea Giovannini

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top