Speed skating, Coppa del Mondo: Giovannini 10° a Calgary nei 5000 del solito Sven Kramer

Andrea-Giovannini-Speed-skating-Profilo-FB-Giovannini-Libera.jpg

Ha preso il via a Calgary (Canada) la Coppa del Mondo 2015/2016 di speed skating. Più ombre che luci per l’Italia.

Nei 5000 metri si è imposto come da pronostico l’olandese Sven Kramer in 6’08″61. Il bi-campione olimpico in carica ha preceduto di 1″83 il connazionale Jorrit Bergsma. Il podio sarebbe stato tutto dei Paesi Bassi, se Ted-Jan Bloemen, terzo, nella passata stagione non avesse deciso di cambiare nazionalità e gareggiare per il Canada. Positiva la prestazione dell’azzurro Andrea Giovannini. Il 22enne trentino ha migliorato di quasi 2 secondi il proprio record personale sulla distanza, portandolo a 6’21″77. Certo, il podio resta ancora piuttosto distante, tuttavia la crescita costante di questo giovane pattinatore lascia ben sperare. Giovannini ha anche approcciato la gara con grande personalità, mantenendosi sotto i 30 secondi al giro per i primi 2200 metri, prima di accusare un calo nel finale.

Tutto da copione anche nei 3000 femminili, dove la fuoriclasse ceca Martina Sablikova ha preceduto di 1″18 l’olandese Irene Schouten e di 1″57 la russa Natalya Voronina, classe 1994. Nella Division B erano impegnate due portacolori del Bel Paese. Se Francesca Bettrone, tredicesima, si è migliorata di quasi 7 secondi, è rimasta invece molto lontana dal personale Francesca Lollobrigida, ventesima.

Il padrone della velocità si conferma Pavel Kulizhnikov. Il 21enne russo, oro ai Mondiali sprint 2015, ha trionfato nei 500 metri (gara di cui detiene il titolo iridato anche nella competizione riservata alle singole distanze) in 34″11. Completano il podio il veterano finlandese Mika Poutala ed il canadese William Dutton, staccati rispettivamente 17 e 35 centesimi dalla vetta. Nona e dodicesima posizione in Division B per Mirko Nenzi (35″05) e David Bosa (35″14).

Nella stessa distanza, ma al femminile, trionfo della bi-campionessa olimpica in carica coreana Sang-Hwa Lee in 36″96. Alle sue spalle la cinese Hong Zhang e la statunitense Brittany Bowe. Yvonne Daldossi è decima nella Division B in 38″70.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top