MotoGP, GP Valencia 2015, analisi gara: vittoria mondiale per Jorge Lorenzo. Un assolo in una farsa

Jorge-Lorenzo-FOTOCATTAGNI1.jpg

Il GP di Valencia 2015 verrà ricordato come quello che ha incoronato Jorge Lorenzo, campione del mondo per la quinta volta in carriera e terza nella top class. Un successo meritato per il maiorchino essendo stato il pilota più veloce dell’anno con 7 corse e 5 pole positions nel palmares 2015.

Una gara dunque gestita ottimamente dallo spagnolo, partito dalla pole position, e primo dal primo all’ultimo metro. Un controllo della velocità invidiabile, sul passo del 1:31.4/1:31.5, che gli è valso una vittoria finale che lo porta tra i più grandi piloti di tutti i tempi. Un driver che forse non piaca tanti, per il suo stile pulito, il suo essere antieroe ma che comunque ha conquistato il Mondo per la quinta volta e che merita i doverosi complimenti per l’annata compiuta.

Tuttavia il contesto di gara a Valencia lascia dei forti dubbi sul modo in cui l’agonismo si è espresso in pista. In primis guardando alla grandiosa rimonta di Valentino Rossi, giunto quarto, dopo essere partito 26esimo e aver fatto l’impossibile per recuperare più posizioni possibili in breve tempo. Ebbene nella remuntada qualche manovra strana la si è vista come quella del ducatista Danilo Petrucci, autore di un lungo decisamente sospetto nel momento in cui Rossi gli si è trovato alle spalle, tenendo conto anche delle dichiarazioni della vigilia del driver: “Se dietro di me mi ritrovassi Valentino Rossi, cercherò di non intralciarlo. E’ una questione di rispetto. Farei lo stesso anche se mi trovassi in lotta con Lorenzo. In questi casi è importante non fare danni“.

Ecco la parola magica: rispetto. Una forma di cortesia che, tuttavia, non è valsa soltanto per la risalita di Rossi ma anche per la tutela della prima posizione di Jorge. A cosa ci riferiamo? A quanto fatto da Marc Marquez  che mai ha tentanto una manovra di sorpasso nei confronti di Lorenzo pur avendo del margine in alcuni tratti del circuito e le giustificazioni addotte dal Cabronçito nell’immediato dopo corsa non convincono: “All’inizio Jorge ha spinto fortissimo, io ho faticato a stargli dietro. Nel finale mi sono avvicinato e avevo in mente di attaccarlo, ma è arrivato Dani (Pedrosa; n.d.r.) che mi ha passato e mi ha fatto perdere tempo. L’ho ripassato ma non ho voluto rischiare attaccando Lorenzo. Secondo non è il modo migliore di chiudere il campionato, ma cercherò di rifarmi l’anno prossimo”.

Un’eleganza, se così la vogliamo chiamare, che si lega alle vicende della Malesia e al pesante corpo a corpo con Valentino Rossi con le ipotesi di accordo paventate dallo stesso 46 nella conferenza stampa del giovedì. Non usiamo quindi troppi giri di parole: una vera e propria farsa! Una sensazione, in un certo qual senso, confermata anche dallo stesso Campione del Mondo 2015 che, con sincerità, ha ammesso: “Forse in un’altra gara loro potevano rischiare di più e sorpassarmi, ma forse hanno voluto avere rispetto verso uno spagnolo che si giocava il titolo”Un’ammissione che lascia spazio, dunque, a poche interpretazioni e che, molto probabilmente alimenterà le polemiche come le stesse affermazioni di Rossi, intervenuto a Sky, lasciano intendere: “Un comportamento di Marquez imbarazzante. Tutti hanno capito il loro giochetto. – ha tuonato Valentino – Marc ha tirato fuori gli artigli con il suo compagno di squadra e spero che tutti l’abbiano capito. Mi dispiace non essermela giocata fino in fondo con Lorenzo e credo che anche lui non sia contentissimo per questo. E’ diventato come il GP delle Nazioni ormai. Mi sembra che è molto triste che Marquez si riduca a fare il guardaspalle di Jorge. Lorenzo ha meno colpe, in tal senso,  perchè non l’avrebbe mai fatto. Tuttavia per quello che ha detto dopo la Malesia si è messo alla stregua di Marc. Però sai sono abbastanza triste, una grande occasione sfumata e non credo di meritarlo. Sapevo già che sarebbe andata così e che avrebbero giocato così e mi è stato subito chiaro che Marquez gli avrebbe guardato le spalle”. 

Un vero peccato dunque che lo show cui abbiamo assistito sia stato inevitabilmente influenzato da giochini, interessi o sudditanze di ogni genere. Il Motociclismo, come ogni sport, dovrebbe essere l’esaltazione della competizione a 360° e ciò che resta, dopo il round finale di Valencia, è l’assolo di un grande campione in un contesto farsesco.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

FOTOCATTAGNI

Twitter: @Giandomatrix

One thought on “MotoGP, GP Valencia 2015, analisi gara: vittoria mondiale per Jorge Lorenzo. Un assolo in una farsa”

  1. Luca46 scrive:

    Sicuramente Petrucci ha agevolato Valentino. Tuttavia secondo me va capito. Gli altri piloti hanno a parte Marquez hanno fatto la loro gara. Tuttavia prova a pensare cosa sarebbe successo se uno di questi piloti per sbaglio, sia chiaro per sbaglio non per dolo, avesse buttato giù Valentino. Petrucci si è tolto di mezzo a scanso di equivoci. Non è questo che ha condizionato gara e mondiale.

Lascia un commento

Top