Judo, Europei U23 2015: Mungai e Rosetta chiudono con il bronzo

Judo-Melora-Rosetta-_-FB.png

Si sono conclusi quest’oggi a Bratislava i Campionati Europei Under 23 di judo 2015, competizione che ha visto la partecipazione di 295 judoka provenienti da trentacinque Paesi. L’Italia ha chiuso la rassegna slovacca con due nuove medaglie di bronzo, che vanno ad aggiungersi ai tre podi conquistati nelle due giornate precedenti.

Leggi anche:
* Giorno 1: Basile campione d’oro, Piras ai piedi del podio
* Giorno 2: Esposito d’argento, Greci di bronzo

La prima medaglia di bronzo di quest’oggi è arrivata dalla categoria 90 kg, grazie a Nicholas Mungai. Il ventiduenne, dopo aver beneficiato di un pass al primo turno grazie alla testa di serie numero sette, ha sconfitto per ippon il bielorusso Daniel Mukete, ma è poi stato superato in soli venticinque secondi dall’olandese Michael Verhagen ai quarti di finale. Mungai ha così disputato i ripescaggi, dove ha battuto per ippon il georgiano Teimuraz Khachidze, e successivamente ha conquistato il bronzo con un nuovo ippon sul polacco Tomasz Szczepaniak, che aveva precedentemente messo a segno uno yuko. Verhagen ha conquistato l’altro bronzo, mentre nel match per il titolo è stato il ceco David Klammert a schienare in meno di un minuto l’altro olandese Rico Harder.

Successivamente, è stata Melora Rosetta a conquistare il terzo gradino del podio della categoria 78 kg, come aveva già fatto nella competizione continentale dei cadetti. L’azzurra ha sconfitto per yuko l’israeliana Yarden Mayersohn e per numero di penalità l’ungherese Evelin Salánki, che avrebbe poi vinto il bronzo come l’azzurra. In semifinale ha collezionato tre shido nel match contro la grande favorita di giornata, la croata Brigita Matić, ma si è poi rifatta sconfiggendo la russa Aleksandra Babintceva. Nella finale per il titolo, la slovena Klara Apotekar ha sorpreso tutti battendo per yuko Matić: la diciottenne aveva già ottenuto l’argento l’anno scorso, stessa medaglia che ha vinto quest’anno ai Mondiali junior.

Il terzo ed ultimo azzurro impegnato quest’oggi era il peso massimo Nicola Becchetti, che ha sfiorato il podio classificandosi quinto tra i +100 kg. L’atleta classe 1994 è partito dai quarti di finale, dove è stato battuto dall’ucraino Andrii Kolesnik per ippon, ma ha poi saputo rifarsi ai ripescaggi, infliggendo lo stesso trattamento al lituano Augustina Seniauskas. Nel match per il bronzo, Becchetti non ha potuto fare nulla contro il magiaro Bendegúz Demeter, vincitore per ippon. Nella finale tutta ucraina, Fedor Panko, già campione europeo tra i cadetti, ha battuto per numero di shido Kolesnik, mentre il tedesco Anton Krivickij ha completato il podio.

Il programma del settore maschile ha anche visto combattere i judoka della categoria 100 kg, dove il russo Oleg Ishimov è tornato a vincere un titolo europeo tre anni dopo quello junior. Il ventiduenne ha avuto ragione in finale del croato Zlatko Kumrić in soli quaranta secondi, mentre gli incontri per il terzo gradino del podio hanno visto i successi dell’altro russo Niiaz Bilalov e dell’ungherese Gergő Fogasy.

Infine, la categoria +78 kg femminile ha visto il successo della tedesca Carolin Weiss, atleta che può vantare già un’importante esperienza da senior oltre a numerose medaglie vinte nelle categorie giovanili. La teutonica ha conquistato il titolo grazie alla vittoria per ippon contro la croata Ivana Šutalo, così come aveva vinto per ippon i due incontri precedentemente disputati. Le ultime medaglie di questa competizione continentale Under 23 sono satte conquistate dalla russa Aydana Nagorova e dalla croata Beata Pacut.

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top