Jorge Lorenzo: “Chiedo scusa per il mio gesto sul podio. Voglio rimanere alla Yamaha”

Lorenzo-Misano-2-FOTOCATTAGNI.jpg

Conferenza stampa pre-Valencia per Jorge Lorenzo. Di seguito le principali dichiarazioni del pilota iberico.

Dobbiamo rispettare la decisione del Tas. Onestamente sono arrivato qui pensando soltanto al fine settimana che è molto importante per me. Non voglio parlare di nient’altro, se non di quello che potrà accadere in pista. Sul passato voglio solo dire che c’è stato un errore, sono pentito per il gesto che ho fatto sul podio in Malesia e chiedo scusa. Non è stato un esempio di sportività per i giovani“.

Quello che è ho detto a Sepang l’ho detto a Sepang e non voglio tornarci sopra. Ora voglio pensare solo al Campionato“.

Sono felice di essere qui e correre con la Yamaha. Sono fortunato, perché posso giocarmi di nuovo un Mondiale. Posso godermi la vita, che è bella, ma breve“.

A domanda se la penalizzazione di Rossi cambierà il suo modo di correre, lo spagnolo ha risposto: “No, non mi importa che Rossi partirà ultimo. Non cambierà il mio modo di guidare e pensare alla gara. Io cerco sempre di ottenere il meglio da me stesso. Per Valentino certamente sarà uno svantaggio, per la mia gara invece sarà lo stesso”.

Poi sul possibile divorzio con la Yamaha: “Ho ancora un anno di contratto con la Yamaha e la mia intenzione è continuare qui fino al termine della carriera. Naturalmente tutti i matrimoni hanno dei momenti di disaccordo, ma il nostro rapporto in futuro sarà lo stesso. Io e Rossi formiamo uno dei migliori team del mondo”.

Sul ricorso al Tas senza avvertire la Yamaha: “Non voglio parlare di questo. Non capisco perché mi fate queste domande che esulano dalla pista“.

Lorenzo esclude un muro divisorio ai box: “Sono sempre stato contrario. Yamaha ha dovuto proteggere un proprio pilota sanzionato, ma non penso ci saranno problemi. Ho sempre ricevuto lo stesso trattamento del mio compagno di squadra“.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

Top