Hockey su ghiaccio, Continental Cup: l’Asiago ospita un girone tosto con un Luciani in più

Asiago-hockey-su-ghiaccio-foto-romeo-deganello.jpg

L’Asiago campione in carica della Serie A di hockey su ghiaccio sta faticando nella nuova stagione. I veneti, cambiato l’allenatore (da John Parco a Patrick Lefebvre) e ancora privi di capitan Dave Borrelli per un problema burocratico, sono al momento quarti in campionato ma non sono riusciti a entrare tra le teste di serie per il draft dei quarti di finale di Coppa Italia.

Non è un momento semplice, dunque, per i giallorossi, oltremodo altalenanti e palesemente inferiori alle due corazzate altoatesine, Renon e Val Pusteria. Ma per i play-off scudetto c’è tempo: l’appuntamento è da marzo in poi. Quel che preme in casa Asiago, adesso, è il girone di Continental Cup. Che i vicentini ospiteranno proprio in casa, allo stadio Odegar, da domani a domenica. Sul ghiaccio anche lo Yertis Pavlodar (Kazakistan), gli Herning Blue Fox (Danimarca) e l’HK Mogo Riga (Lettonia).

Le prime due del girone avanzeranno alla fase successiva della seconda manifestazione continentale. L’hockey italiano, infatti, fatica a emergere e il sogno Champions League è destinato a rimanere tale per chissà quanto tempo ancora. Ma l’Asiago vuole ovviamente onorare la Continental e proverà a superare un turno non semplice grazie a un innesto di lusso, il canadese Anthony Luciani, ala di 173 centimetri per 85 chili che nella prima parte di stagione ha vestito la maglia dei norvegesi dello Sparta Warriors con 17 punti in 14 partite. Appena sbarcato ad Asiago ha detto al sito ufficiale giallorosso: “Ho voglia di giocare e di tornare sul ghiaccio, se chiedete di descrivermi posso dire che amo giocare con rapidità, cerco sempre la via del goal e sono qui per fare del mio meglio”.

Le due principali rivali nel girone in programma da domani saranno Mogo Riga (campione lettone in carica e guidato dai nazionali Agris Saviels e Sergejs Durdins) e Herning Blue Fox, che in panchina vanta una bandiera dell’Asiago come Mario Simioni e sul ghiaccio il canadese Jerred Smithson, oltre 600 partite disputate in NHL. Pare più abbordabile lo Yertis Pavlodar, che ha di recente cambiato head coach e fatica a trovare la giusta quadratura con il 48enne ceco Ladislav Lubina.

Il programma:

Venerdì 20 novembre
17 Yertis Pavlodar-Mogo Riga
20.30 Asiago-Herning Blue Fox

Sabato 21 novembre
17 Herning Blue Fox-Mogo Riga
20.30 Asiago-Yertis Pavlodar

Domenica 22 novembre
17 Yertis Pavlodar-Herning Blue Fox
20.30 Asiago-Mogo Riga

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Romeo Deganello

Tag

Lascia un commento

Top