Equitazione: doppietta Leprevost a Verona, vince Gaudiano

Equitazione-Penelope-Leprevost-FB.jpg

L’amazzone francese Pénélope Leprevost ha confermato il suo grande stato di forma, vincendo ben due gare al CSI-W cinque stelle di Verona, in attesa della prova valida per la Coppa del Mondo di salto ostacoli, la cui leader è la stessa Leprevost. In sella a Nice Stephanie, la vincitrice di Oslo e Lione si è aggiudicata la “prova grossa” di giornata, una gara con barrage ed ostacoli ad 1.55 metri, chiusa senza penalità con un tempo finale di 37″36. Alle sue spalle si sono classificati la statunitense Jessica Springsteen su Davendy S (37″50) e l’olandese Gerco Schröder su Glock’s Zaranza (38″45), mentre per i colori italiani sono arrivati tre piazzamenti nella top ten: Davide Sbardella ha infatti chiuso ottavo su Triomphe Van Schuttershof (4 / 45″27), seguito dalla campionessa nazionale Giulia Martinengo Marquet, nona su Fixdesign Istafan Sissi (1 / 74″07 al primo round) e da Giampiero Garofalo su Corbanus (1 / 74″97).

Leprevost ha anche vinto la prova contro il tempo con ostacoli ad 1.45 metri, questa volta gareggiando con Sultane des Ibis (56″64) e battendo l’azzurro Lorenzo De Luca su Homer de Reve (57″65) e l’altro francese Jérôme Hurel su Warrior (59″65). Piazzati anche Luca Maria Moneta, sesto su Connery (61″70), ed ancora Davide Sbardella, questa volta settimo su Suzie II (64″50).

La vittoria per l’Italia è giunta con l’ultima gara di giornata, con Emanuele Gaudiano e Cocoshynsky che si sono aggiudicati una tabella C con ostacoli ad 1.55 metri. Il binomio azzurro ha chiuso con un tempo di 60″12, facendo meglio dell’irlandese Bertram Allen su Belmonde (62″80) e del belga Wilm Vermeir su Gentiane de la Pomme (63″48). Giulia Martinengo ha ottenuto un nuovo risultato positivo, chiudendo quinta con Randon Pleasure (65″08), e precedendo di una posizione Luca Moneta e Neptune Brecourt (66″28 a causa di quattro penalità). Emanuele Massimiliano Bianchi ha ottenuto il decimo posto con Zycalin W (72″92 con quattro penalità).

Per il concomitante CSI due stelle, si è svolta invece una prova con jump-off ed ostacoli ad 1.40 metri. A vincere è stata l’amazzone slovena Nina Pangeršič su Glorija I (42″08), davanti allo svizzero Carlo Pfyffer su Caramba 66 (42″53) ed ad Arnaldo Bologni su Quidich de la Chavee (42″86). Nella top ten anche Ernesto Vacirca, sesto su Ultimo Fs (43″77) e Luca Coata, decimo su Ouite Beauty (4 / 41″58),

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top