Basket, NBA: Gallinari il leader di Denver, Belinelli da sesto uomo, Bargnani ai Nets poche soddisfazioni

basket-danilo-gallinari-denver-nuggets-fb-danilo-gallinari.jpg

Da qualche giorno è cominciata la nuova stagione della NBA e sarà un anno molto importante per i tre italiani presenti nella lega più famosa ed importante del mondo. Danilo Gallinari non ha fatto le valige ed è rimasto in quel di Denver; mentre Belinelli e Bargnani si sono trasferiti rispettivamente a Sacramento e Brooklyn.

Fresco di rinnovo di contratto, che lo pone come una delle star in Colorado, il Gallo non ha cambiato squadra rimanendo nella nuova Denver di coach Moses Malone. I Nuggetts hanno pescato bene dal Draft con il play Emmanuel Mudiay e possono ricoprire il ruolo della mina vagante in un Ovest sempre super complicata e nella quale sarà difficilissimo entrare tra le migliori otto per i playoff.

Danilo ha cominciato molto bene la sua stagione, confermandosi dopo una buona pre season e all’esordio è stato il grande protagonista nella vittoria di Denver sul campo di Houston con 23 punti. Nella seconda partita, invece, solo dieci punti e sconfitta contro la spumeggiante Minnesota di Towns e Rubio (altra formazione da tenere d’occhio).

Se Gallo è un leader dentro e fuori dal campo a Denver, spera di diventarlo a Brooklyn Andrea Bargnani. Il Mago non ha cambiato città, restando sempre in zona New York, cambiando solo casacca e passando dai Knicks ai Nets. 
La squadra non sembra essere molto competitiva, ma nella “pochezza” della Eastern Conference potrebbe anche arrivare ai playoff, riuscendo a trovare un po’ di continuità nel corso della stagione. Per ora tre partite e tre sconfitte con Bargnani, che, dopo aver saltato tutta la pre season, non è mai partita in quintetto titolare. L’esordio era stato anche positivo per il centro romano, con sedici punti a referto nel ko contro Chicago, poi, però, solo cinque punti nei match con San Antonio e Memphis, dove Brooklyn è stata spazzata via.

Nuova avventura, nuova maglia, nuovo contratto e nuove ambizioni per Marco Belinelli, che in estate ha lasciato San Antonio per passare ai Sacramento Kings. Formazione che come Denver potrebbe ritagliarsi un ruolo di sorpresa ad Ovest e forse ancora di più dei Nuggets le possibilità di fare bene ci sono, anche perchè il talento in casa Kings non manca di certo e in panchina c’è un allenatore esperto come George Karl.

Proprio l’ex tecnico di Denver ha spiegato quale sarà il ruolo del ragazzo di San Giovanni in Persiceto, che dopo una pre season dove ha segnato molto ed è partito spesso titolare, dovrà partire dalla panchina durante l’anno e subentrare come sesto o settimo uomo. Un ruolo che Marco che in carriera in NBA spesso Marco ha ricoperto, ma certamente quest’anno i minuti di utilizzo saranno molti di più.
Il Beli non ha iniziato benissimo come percentuali al tiro e ha chiuso in doppia cifra solo la terza partita stagionale, ma certamente c’è lo spazio e il tempo per diventare una pedina fondamentale nel nuovo scacchiere offensivo di Sacramento

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

foto da pagina FB di Danilo Gallinari

twitter Andre_Ziglio

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top