Basket, Eurolega: Milano crolla anche a Limoges. Le Top 16 sono ormai un miraggio

basket-alessandro-gentile-olimpia-milano-fb-alessandro-gentile.jpg

La peggior Milano da inizio stagione nella partita più importante della sua Eurolega. Una serata da incubo per l’Olimpia che perde sul campo di Limoges 74-65, rendendo le Top 16 un autentico miraggio per la squadra di Repesa. L’Emporio Armani resta all’ultimo posto in classifica ed ora le possibilità di qualificarsi sono davvero ridotte al lumicino con Milano obbligata ad un girone di ritorno quasi perfetto.

Non basta ancora una volta un Alessandro Gentile da 19 punti, anche se il capitano milanese tira 0/6 da tre punti. Un autentico disastro il resto della squadra con solo McLean che chiude in doppia cifra; mentre tra le fila di Limoges il migliore è Boungou-Colo con 18 punti e soprattutto Ali Traore, quindici punti e con il 100% da due.

Mani fredde e nervosismo nei primi tre minuti con tanti errori da entrambe le parti. Diawara trova un primo mini allungo francese per l’8-4, ma Lawal con il suo atletismo tiene a contatto Milano. Alla tripla di Boungou, risponde subito quella di Jenkins e poi un fadeaway di Gentile per il 12-11 Limoges a metà della prima frazione. Bomba di Westermann per il 19-15, ma nel finale parziale di 6-0 condito dal canestro sulla sirena del capitano milanese, che permette all’Olimpia di chiudere avanti 21-19 i primi dieci minuti.

Ancora Gentile in apertura di secondo quarto, ma 5-0 Limoges firmato dalla tripla di Schaffartzik per il nuovo vantaggio Limoges (24-23). Diawara e Boungou tengono sul +4 i francesi, mentre Milano è davvero solo Alessandro Gentile. Il numero 5 dell’Olimpia di prende per mano la squadra, ma i compagni non sfruttano i suoi assist e dunque è costretto a fare tutto da solo tenendo Milano sotto di tre punti (31-28) a tre minuti dall’intervallo. Ancora Boungou fa male a Milano da tre punti e Limoges scappa sul 34-28, costringendo Repesa al timeout. Il divario si allarga sempre di più con un’altra tripla di Schaffartzik e il sottomano di Diawara, con Limoges che vola sul +11 (39-28). I liberi di Barac fanno respirare solo in parte l’Olimpia, che va negli spogliatoi sotto di nove punti (39-30).

Anche al rientro in campo Milano rientra male in difesa ed in attacco si comporta forse anche peggio e Limoges resta sempre avanti in doppia cifra (43-33). Mini reazione milanese, ma prontamente respinta dal Limoges che torna nuovamente sopra di nove punti. Quattro punti consecutivi di McLean riportano l’Olimpia sotto di sette a quattro minuti dalla fine del terzo quarto (48-41). Daniels e Schaffartzik gelano il sangue a Milano, che crolla a suo di triple, finendo sotto di tredici punti (56-43).

Il 4-0 con cui si apre l’ultimo quarto è una croce per l’Olimpia, che non sembra davvero reagire ad un momento difficilissimo della sua Eurolega.  Milano si aggrappa a Gentile, che segna  e serve l’assist a Hummel per il nuovo -10 a metà ultimo quarto (64-54). Simon avrebbe la palla per riaprire la partita, ma la sua tripla finisce ancora sul ferro e l’Emporio Armani resta sempre sul -10. Gli errori di Simon e Gentile dalla linea dei tre punti condannano definitivamente l’Olimpia e alla fine il 74-65 è pesantissimo anche in chiave scontro diretto.

Questo il tabellino della partita:

LIMOGES CSP – EMPORIO ARMANI MILANO 74-65 (19-21; 20-9; 17-16; 18-19)

Limoges: Schaffartzik 14, Wojciechowski, Daniels 9, Gatens, Westermann 6, Payne 2, Boungou-Colo 18, Traore 15, Diawara 8, Zerbo 2, Diallo

Milano: McLean 10, Lafayette 3, Gentile 19, Amato, Cerella, Magro, Cinciarini 3, Jenkins 5, Hummel 6, Barac 6, Lawal 6, Simon 7

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca Qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

twitter Andre_Ziglio

andrea.ziglio@oasport.it

foto pagina FB di Alessandro Gentile

Lascia un commento

Top